Albinoleffe più rosso che bluceleste, ma vincente

591

Belotti CuneoL’Albinoleffe torna alla vittoria in casa e si allontana ulteriormente dalla zona playout. Un’affermazione meritata quanto sofferta contro Cuneo, condizionata prima nel male e poi nel bene dalla lotteria dei cartellini rossi. Il direttore di gara è interprete della severità senza se e senza ma. Due espulsioni, una per tempo, determinanti per l’una e l’altra squadra e in generale per l’esito dell’incontro. Le mani sul volto di Alessio Pala alla mezz’ora del primo tempo simboleggiano lo sconcerto provocato dall’attaccante seriano Pesenti, reo di aver insultato l’arbitro al punto da meritare l’espulsione. Gesto stupido e ingiustificabile che, con l’Albinoleffe in vantaggio, consente al Cuneo di riequilibrare subito il risultato e tenere in scacco i seriani fino quasi a metà ripresa, quando a parti invertite, nella circostanza in cui i piemontesi restano in dieci, matura il nuovo e definitivo vantaggio dei seriani. L’Albinoleffe saluta il ritorno in maglia bluceleste di Roberto Previtali che torna a coprire il ruolo di centrale di centrocampo attorniato da Girasole e Maietti, mentre Taugourdeau fa il trequartista alle spalle di Pesenti e Andrea Belotti. Difesa confermata con Salvi e Regonesi esterni, Mauro Belotti e Allievi centrali davanti a Offredi. Nelle file del Cuneo esordio per l’attaccante Torri, ex Albinoleffe, che va a ingrossare la pattuglia di calciatori nati o cresciuti in bergamasca.

Partenza a razzo dei seriani che al 1’ vanno al tiro con Andrea Belottisu appoggio in area di Girasole. Al 4’ il pallone calciato dal cuneese Lodi assume una strana traiettoria che costringe Offredi a volare per deviare in angolo. Al 5’ arriva il vantaggio dell’Albinoleffe per merito di Andrea Belotti che, dopo un tiro cross di Pesenti respinto da Ferri, colpisce di testa scavalcando il portiere Rossi. Un gol di prontezza, astuzia e precisione. Al 17’ Andrea Belotti avrebbe la possibilità di raddoppiare, sfruttando un assist di Pesenti, ma il suo sinistro appena dentro l’area piemontesi, finisce a lato della porta di Rossi. Al 24’ Cuneo pericoloso con un colpo di testa di Ferrario diretta nell’angolo basso alla destra di Offredi, bravo ad allungarsi e allontanare il pericolo. La partita resterebbe saldamente in mano all’Albinoleffe se Pesenti non commettesse il gravissimo errore (e non è la prima volta) di indirizzare una frase offensiva all’arbitro che non lo perdona e gli indica la via degli spogliatoi. E al 32’, un po’ destino e un po’ beffa, arriva il pareggio firmato dall’ex Omar Torri. Pure in inferiorità numerica la squadra di Pala tiene bene il campo e nel finale di primo tempo prova a rendersi pericolosa. Al 41’ opportunità sotto rete con un colpo di testa di Mauro Belotti che manda alto e due minuti dopo viene ammonito dopo un fallo al limite dell’area su Torri. Al 46’ Di Lorenzo si lascia cadere in area seriana e l’arbitro gli mostra l’inevitabile cartellino giallo. In avvio di secondo tempo il Cuneo assume l’iniziativa e al 4’ Offredi vola alla sua sinistra per neutralizzare un tiro forte e teso di Garavelli. Ancora più pericoloso al 7’ Palazzolo che lambisce l’incrocio dei pali. Mister Pala risistema la squadra inserendo Pirovano al posto di Taugaurdeau. Al 12’ tocca proprio a Pirovano respingere provvidenzialmente il pallone prima della linea di porta su tiro di Ferrario e salvare l’Albinoleffe dalla capitolazione. L’ingresso di Gazo al posto di Maietti risponde al tentativo di avere forze fresche in campo. La conclusione di Salvi al quarto d’ora, la prima dei seriani nella ripresa, serve ad allentare la pressione. Fino al 20’ quando anche Scaglia, già ammonito, commette l’ingenuità di trattenere Andrea Belotti e raggiunge anzitempo gli spogliatoi. Ezio Rossi corre ai ripari richiamando Torri, ma alla ripresa del gioco Andrea Belotti conquista caparbiamente il pallone in area cuneese dopo un paio di rimpalli e mette al centro dove Girasole è pronto a gonfiare la rete. Il Cuneo si rende pericoloso al 36’ con una conclusione di Danucci che lambisce la traversa.Al 41’ la gara si chiude di fatto allorquando Danucci ferma fallosamente da tergo Corradi a centrocampo e l’arbitro decide per la sua espulsione. Decisione apparsa esagerata, che costa l’allontanamento dal campo anche dell’allenatore piemontese Ezio Rossi.

forbes

ALBINOLEFFE-CUNEO 2-1

ALBINOLEFFE (4-3-1-2): Offredi 7 Salvi 5.5 M. Belotti 6 Allievi 6 Regonesi 6 Previtali 6 Girasole 7 (38’ st Corradi sv) Maietti 5.5 ( 14’ st Gazo 6) Taugourdeau 6 (9’ st Pirovano 6.5)  A. Belotti 7 Pesenti 4. A disposizione: Amadori, Ondei, Martinovic,  Diakite. All. Pala.

CUNEO (4-3-1-2): Rossi 5.5 Di Lorenzo 6 Donida 6 Scaglia 5 Ferri 5 Danucci 6 Palazzolo 6 Lodi 6 (16’ st Di Quinzio 6 ) Garavelli 6 ( 32’ st Martini sv) Torri 6.5 (21’ st Serino 5.5) Ferrario 6. A disposizione: Negretti, Arcari, De Franco, Longhi. All. Ezio Rossi

ARBITRO: Baroni di Firenze 5

Marcatori: pt 5’ Andrea Belotti, 32’ Torri; st 22’ Girasole

Ammoniti: Scaglia, Lodi, Allievi, Di Lorenzo, Mauro Belotti, Donida. Espulsi al 30’ pt Pesenti, al 20’ st Scaglia, al 41’ st Danucci e l’allenatore Ezio Rossi

Recupero: 2’, 5’

forbes