Home Atalanta Atalanta supera la prova del 9

Atalanta supera la prova del 9

288
0

Si conclude con un rotondo successo per 9-1 l’amichevole che l’Atalanta ha sostenuto con il Monza al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia davanti a 600 spettatori che corrispondono alla capacità della tribuna. Il test match di avvicinamento all’esordio in campionato a Ferrara con la Spal ha fornito molte indicazioni a mister Gasperini, anche per le rinunce forzate a Ilicic, che deve scontare una giornata di squalifica, e Castagne, in fase di ripresa dopo l’operazione al ginocchio. E’ stato proprio Ilicic il mattatore della serata: dopo avere aperto la serie di marcature su calcio di rigore procurato da Zapata, lo sloveno ha segnato su calcio di punizione all’inizio del secondo tempo e messo il sigillo alla mezz’ora. Il Monza, che pure ha messo in difficoltà la Fiorentina al Franchi nel turno di coppa Italia, ha retto bene il confronto nella prima parte di gara, andando al riposo con due gol al passivo (raddoppio atalantino firmato da Pasalic), poi nella ripresa ha subito il netto dominio dei nerazzurri capitolando più volte. Solo sul 3-0, vale a dire dopo la momentanea doppietta di Ilicic, l’Atalanta si è concessa una sbavatura difensiva con un buco di Masiello che ha permesso al monzese Negro di mettere a segno quello che sarebbe rimasto il gol della bandiera. Gasperini ha messo in campo Gollini tra i pali, in difesa Toloi, Palomino e Djimsiti, a centrocampo un tonico Freuler in coppia con Pasalic e Hateboer decisamente in forma e Reca esterni; Malinovskyi alle spalle di Ilicic e Zapata. Una scelta che lascia intuire una soluzione offensiva con Gomez al posto dello squalificato Ilicic sul campo della Spal. Nella ripresa la girandola delle sostituzioni ha visto in campo dal 1’ Skrtel per Palomino, Masiello per Djimsiti, De Roon al posto di Pasalic e Gomez subentrare a Malinovskyi. Tra i pali Rossi ha dato il cambio a Gollini. Gomez e Skrtel hanno fatto sentire subito il proprio peso nelle rispettive posizioni. Il Papu è andato il gol al 10’ su assist di Zapata, Masiello di testa due minuti dopo. Prima del quarto d’ora in campo anche Ibanez, neo convocato nella nazionale olimpica brasiliana, al posto di Toloi, Pessina per Freuler e Barrow ha avvicendato Zapata, andando in gol dopo neanche un minuto di gioco e mostrando una certa vivacità. Dopo la tripletta di Ilicic, a segno anche Skrtel e Colley, subentrato al 33’ a Ilicic. Per la cronaca in campo anche Zambataro per Reca a metà ripresa. In definitiva, un’Atalanta tonica che ha rodato gli schemi in vista della trasferta di Ferrara, impegnativa quanto basta per richiedere spirito e concentrazione migliori.

forbes