Home Atalanta Buoni comportamenti

Buoni comportamenti

17
0

Federica Sorrentino

“Atalanta Buoni Comportamenti” è pronto partire
con le prime lezioni. Il progetto socio-educativo
promosso in collaborazione con Regione
Lombardia, ATS Bergamo (Agenzia di Tutela della
Salute), Questura di Bergamo e Specchio Magico
Onlus, ha calendarizzato nel mese di febbraio il
primo ciclo di incontri orientati alla formazione
degli allenatori in materia di competenze digitali,
la sicurezza online, l’utilizzo dei Social e del web.
Si comincia dagli adulti per poi arrivare ai
bambini, i soggetti più vulnerabili ed esposti. Gli
incontri, coordinati da Lucia Castelli, pedagogista
dell’Atalanta, saranno condotti da Rocco Briganti
(Cooperativa Specchio Magico), Marco Cadeddu
(Questura di Bergamo) e personale dell’Azienda di
Tutela della Salute (ATS) di Bergamo.
“Il calcio nasce nella testa finisce nei piedi e passa
attraverso il cuore: ciò significa benessere fisico,
mentale e socio-relazionale – dichiara Stefano
Bonaccorso, responsabile delle Attività di base di
Atalanta – Ludopatie, sedentarietà e utilizzo
consapevole dei social sono i temi che ci stanno più
a cuore”.
Abbiamo chiesto a Lucia Castelli come si
articolerà il primo ciclo formativo sui buoni
comportanti e quali contenuti saranno esposti.
“La prima parte consiste nella formazione rivolta ad
allenatori, fisioterapisti, preparatori, dirigenti,
quindi tutti gli adulti che guidano i ragazzi
all’interno dell’Atalanta con diversi ruoli. Sono
coinvolte circa un centinaio di persone. La
formazione riguarda l’uso consapevole dei social e i
pericoli che si celano dietro all’uso scorretto, con
l’obiettivo di creare una procedura, un regolamento
all’interno di Atalanta. E’ importante capire come
loro usano i social e il web, come comunicano tra di
loro e con i ragazzi e a tale riguardo abbiamo già
ricevuto una risposta attraverso un questionario
sottoposto preventivamente. La formazione prevede
due incontri, uno a settimana, con gli addetti
all’attività di base, che va dagli 8 ai 12 anni, a
seguire l’attività agonistica, dai 13 anni alla
Primavera, e infine tutto lo staff delle squadre
femminili. La formazione sarà tenuta da Rocco
Briganti, pedagogista della Cooperativa Specchio
Magico, Marco Cadeddu, Vice Questore di Bergamo,
un Dirigente dell’Azienda di Tutela della Salute di
Bergamo, mentre io fungerò da coordinatrice. Più
avanti sono previsti gli incontri nei confronti dei
genitori e successivamente verso i ragazzi”.