Gasperini arriva alla Cittadella dello Sport e trova numerosi giornalisti e buon pubblico ad attenderlo. È rilassato e sorridente, si dice ben disposto a incontrare il pubblico e a fare una chiacchierata amichevole con i giornalisti, dopo la clausura imposta dalla pandemia, ma deve fare una premessa. E non è tenero. “Ho letto cose folli – esordisce il mister atalantino -. Una vera e propria disinformazione. Siate più seri. Non tiratemi dentro ai vostri pensieri. Se devo dire qualcosa, la dico io nel luogo e nel modo più adeguato. Non ho convocato alcuna conferenza stampa per oggi e non vado via dall’Atalanta”.

Il fatto si riferisce a qualche mezzo di comunicazione che, ieri, ha artatamente presentato l’incontro all’Accademia dello Sport come una conferenza stampa indetta da Gasperini medesimo, con l’intento di dire cose (qualcuno si è spinto sino alle dimissioni) contro la società. Fatta la doverosa premessa Mister Gasperini ha fatto una disanima dell’annata che si è chiusa da poco.

“È vero, la stagione si è chiusa con un po’ di delusione. Ma più passa il tempo e più mi accorgo che non abbiamo fatto male. Questo è stato il sesto miglior campionato di tutta la storia dell’Atalanta”. La sottolineatura è sottile, perché gli altri migliori cinque campionati portano la firma di Gian Piero Gasperini. Come a dire: anche nella peggiore delle ipotesi è sempre la migliore della vita vissuta sinora. Come dargli torto?

“Abbiamo fatto il record di punti all’andata – dice -; abbiamo fatto complessivamente il record di vittorie esterne; abbiamo fatto bene in Champions e siamo arrivati ai quarti di Europa League. Sarebbero bastate tre partite raddrizzate a dovere per entrare in Champions”. E la frecciatina al Var non è mancata, così come non ha tralasciato di dire che si è un po’ pentito di essersi negato ai giornali e alle tv nel post partita, ma si è detto meravigliato che i giornali locali non abbiano preso posizione dura a difesa della squadra nei confronti di certi arbitraggi.

“E alla stampa locale chiedo di essere più allineata con i sentimenti dei tifosi. L’ultima partita con l’Empoli – ricorda – è l’esempio di come il pubblico di Bergamo ami l’Atalanta. Non roviniamo questo clima”.

E come sarà, allora, l’Atalanta che verrà, quella dei Pagliuca americani?
Gasperini da Grugliasco indossa i panni del filosofo. Dice di non avere ancora incontrato la nuova proprietà e che i suoi rapporti continuano ad essere con la dirigenza dei Percassi. Poi in chiave mercato indica alla società tre modalità:

1. Potenziamento della squadra con un top player, di quelli che ti alzano l’asticella. Guardare a Milan, Inter, Juventus, ecc. Se si vuole alzare il livello della squadra serve un attaccante di peso (lo stesso che è successo all’Atalanta con Zapata, Muriel e, aggiungiamo noi, Ilicic). Venuti meno loro, è calato il livello generale della squadra.

2. Si potrebbe optare per un ringiovanimento generale della squadra. Questa Atalanta è invecchiata in blocco. Di giovani da far crescere in formazione ci sono Scalvini e Koopmeiners. Gasperini ricorda il primo colloquio avuto con Percassi prima di assumere l’incarico di allenatore nerazzurro. Il sogno del presidente era di avere 7-8 giocatori del vivaio in prima squadra. Cosa avvenuta il primo anno della gestione Gasperini. Oggi l’Atalanta ha pochissimi giocatori italiani; è una multinazionale internazionale con pochissimi giovani.

3. Si lasciano le cose così. Facendo poco o niente. Questa squadra così com’è è una buona squadra – osserva il mister – ma ritengo che non possa raggiungere l’obiettivo di entrare nell’élite dell’Europa.

“L’importante – afferma Gasperini – è che la società sia chiara. Con me e con i tifosi. Poi io farò il massimo con quello che avrò a disposizione. Serve avere una identità precisa. L’Atalanta non può competere con le grandi. Può, però, fare grandi cose. Sul mercato – conclude Gasperini – non entro nel merito dei soldi. Indico i ruoli dove sarebbe bene operare, ma non faccio nomi. La società fa il resto”.

Premiato da Giovanni Licini, patron dell’Accademia dello Sport, per i tanti meriti e i risultati ottenuti con l’Atalanta, da quando è a Bergamo, il mister si è concesso una partita a tennis in coppia con Paolo Ribolla contro il suo secondo Gritti in coppia con Carrera. Per la cronaca questi ultimi hanno vinto 9-2.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleBonaldi Motorsport sul podio al Lamborghini Super Trofeo
Next articleTennis Serie B1, altra vittoria del Tc Treviglio (4 gare su 5) che rimane in vetta