Si è svolta a Zanica, nella sala stampa dell’AlbinoLeffe Stadium, una lezione del Corso responsabile settore giovanile della FIGC, alla presenza dei corsisti provenienti da tutta Italia (circa una quarantina) e, tra gli altri, del Segretario generale della Lega Pro, Emanuele Paolucci, del Responsabile della Sezione per lo sviluppo del calcio giovanile e scolastico del Settore tecnico FIGC, Roberto Samaden, del Segretario del Settore tecnico FIGC Paolo Piani, del responsabile del corso Attilio Sorbi.

Gianfranco Andreoletti (Foto U.C. AlbinoLeffe)

Ad aprire la seduta ci ha pensato il padrone di casa, Gianfranco Andreoletti, presidente della società seriana: “Purtroppo nel calcio di oggi si preferiscono spendere 100 milioni per un singolo giocatore piuttosto che investire la stessa cifra in strutture al servizio dei giovani. Questo penalizza innanzitutto le società di Serie C, così come la Legge Melandri inerente alla distribuzione dei ricavi maturati dai diritti tv. La politica del ‘minutaggio’, adottata dalla Lega Pro, da una parte ha creato un incentivo all’utilizzo dei giovani, ma dall’altra rappresenta comunque solo un minimo riconoscimento nei confronti del lavoro svolto all’interno dei settori giovanili. Per questo, oggi più che mai, è importante tornare a dare massima importanza a quello che è il vero ruolo della Serie C: investire sui giovani del territorio”.

Tutto ciò – ha concluso Andreolettiè per sensibilizzarvi su una questione: il calcio italiano deve cambiare e per farlo in modo corretto deve dedicare più risorse ai settori giovanili e alle strutture al servizio dei calciatori del domani. La vostra figura è di vitale importanza all’interno di una società: auguro a tutti voi di realizzare il vostro sogno per riuscire ad abbracciare un mondo, quello del calcio, che può regalarvi grandissime soddisfazioni. Il tutto nella consapevolezza dei grandi ostacoli in cui vi imbatterete”.

Con la visita di oggi nella casa dell’AlbinoLeffe – ha spiegato Paoluccici troviamo di fronte alla migliore situazione per un club, che ci dimostra come sia possibile perseguire un obiettivo comune a tutte le società di Serie C. Un primo passo per rincorrere il traguardo della sostenibilità, è da effettuarsi attraverso la valorizzazione dei giovani strutturandosi sia con un attento lavoro sui giocatori sia per mezzo della formazione di dirigenti e allenatori che hanno il compito di favorire questo specifico percorso di crescita”.

Simone Farina ed Emanuele Paolucci

A conclusione dell’incontro, prima di una breve visita dell’AlbinoLeffe Campus e di un momento finale di confronto, il segretario e direttore generale bluceleste, Simone Farina, ha illustrato ai presenti la mission e i valori del progetto del club, che si sono tradotti in una forte crescita a livello organizzativo ma ancor di più da un punto di vista infrastrutturale, dal giorno della sua fondazione fino a oggi.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleIl Trofeo Eurovix rimane in casa. Finale tutta della Bocciofila Presezzo
Next articleIl Cd Bergamasco Campagnola al torneo di dama internazionale di Roma