Home Atalanta L’Atalanta ricomincia da tre

L’Atalanta ricomincia da tre

187
0

Riparte con una vittoria il campionato dell’Atalanta che al Gewiss Stadium supera 3-2 l’Udinese e si conferma al terzo posto in classifica. Un successo che, alla luce di quanto visto in campo e delle occasioni create dalla squadra di Gasperini, poteva essere più largo di quanto non dica il risultato. Ancora una volta, mattatori della partita Luis Muriel, autore di una doppietta nel primo tempo giocato a senso unico, e il connazionale Zapata, a segno nella ripresa. L’Atalanta avrebbe potuto mettere al sicuro il risultato già nei primi 45’, allo scadere dei quali però ha concesso all’Udinese di accorciare le distanze con Pereyra. Rientrata in campo dopo l’intervallo con Ilicic al posto di Muriel, l’Atalanta si è ripresa il doppio vantaggio nella ripresa, per poi subire ancora gol dai friulani. Nel finale Ilicic ha sprecato una clamorosa palla gol. Va detto che Gasperini ha utilizzato, ad eccezione di Kovalenko, tutti i giocatori reduci dagli impegni con le rispettive nazionali.

La cronaca

Gasperini conferma il modulo 4-2-3-1 adottato nella vittoriosa trasferta di Verona, sistemando davanti a Gollini la linea difensiva composta da Toloi, Romero, Palomino e Gosens. De Roon e Freuler in mediana, sulla trequarti Malinovskyi, Pessina e Muriel, Zapata terminal e offensivo.

Inizio sotto la pioggia battente con l’Atalanta che, con ordine, si riserva in avanti, concludendo una prima volta dopo 3’ con pallone a lato di Zapata. L’azione offensiva della squadra di Gasperini si sviluppa contro una barriera di otto maglie friulane. Dopo un’incursione in area senza esito, al 14’ Muriel ci prova su calcio di punizione da circa 30 metri che il portiere Musso neutralizza in due tempi. A seguire una conclusione debole di Malinovskyi. Il gol del vantaggio arriva al 19’ per merito di Muriel che finalizza una veloce azione condotta sulla fascia sinistra, trasformando l’assist di Pessina in una rasoiata rasoterra che sorprende Musso. L’Atalanta prova a sferrare il secondo colpo, prima al 34’ con un tiro da fuori area di De Roon alto sulla traversa, tre minuti dopo con Malinovskyi sulla cui conclusione angolata Musso si distende e respinge. Il raddoppio matura al 43’, ancora per merito di Muriel, che raccoglie, smarcandosi con perfetta tempistica, un passaggio preciso di Malinovksyi in area. Il colombiano ha il tempo di aggirare Musso e insaccare. Prima di avviarsi all’intervallo, al 45’, a sorpresa, l’Udinese accorcia con Pereyra, il quale riceve il pallone da Molina all’interno della lunetta e, lasciato libero di calciare, con un destro angolato supera Gollini. Nell’intervallo Gasperini sostituisce Muriel con Ilicic e Gosens con Djimsiti. Nella ripresa si assiste a un autentico assedio dell’Atalanta all’area friulana. La prima conclusione a rete dopo 3’ porta di firma di Zapata con parata a terra di Musso, il quale poi devia in angolo una battuta ravvicinata di Pessina. Poi all’8’, su corner di Malinovskyi, colpo di testa di Zapata che in tuffo non trova lo specchio della porta. Al 13’ Gotti avvicenda Okaka con Llorente e Zeegelaar con Stryger Larsen, ma al 16’ Malinovksyi confeziona l’assist perfetto per Zapata che libera il destro e in diagonale batte Musso. Al 24’ fuori Braaf per Forestieri e Nuytinchk per Samir. Dopo due minuti l’Udinese trova lo scatto per accorciare nuovamente le distanze. Merito di Molina che si libera di De Roon e dalla linea di fondo serve il pallone a centro area dove irrompe Stryger Larsen che insacca di destro. Il 2-3 riaccende l’entusiasmo dell’Udinese. Al 33’ Gasperini richiama Pessina e Malinovskyi sostituendoli con Pasalic e Maehle. Nel finale fuori Zapata per dare spazio a Miranchuk. Al 43’ Freuler prova a chiuderla, ma il suo tiro è debole e centrale. Un minuto dopo clamoroso errore di Bonifazi che consegna palla in area a Ilicic, il quale fallisce clamorosamente il gol del 4-2.

ATALANTA-UDINESE 3-2

ATALANTA (4-2-3-1): Gollini 6 Toloi 6 Romero 6.5 Palomino 6.5 Gosens 6 (1’ st Djimsiti 6) De Roon 6.5 Freuler 6.5 Malinovskyi 7 (33’ st Pasalic 6) Pessina 6.5 (33’ st Maehle 6 Muriel 8 (1’ st Ilicic 5.5) Zapata 6.5 (40’ st Miranchuk sv). A disposizione: Sportiello, Rossi, Sutalo, Caldara, Ruggeri, Kovalenko, Lammers. Allenatore: Gasperini

UDINESE (3-5-1-1): Musso 5.5 Becao 5 Bonifazi 5 Nuytinck 5 (24’ st Samir 6) Molina 7 Da Paul 5 Walace 5 (37’ st Arslan sv) Pereyra 6.5 Zeegelaar 5 (13’ st Stryger Larsen 6) Okaka 5 (13’ st Llorente 5) Braaf 5 (24’ st Forestieri 5). A disposizione: Scuffet, Gasparini, Ouwejan, Makengo, Micin, Nestorovski, De Maio. Allenatore: Gotti

Arbitro: Manganiello 6 . Assistenti: Rossi e Vono. IV Uomo: Ayroldi. Var: Orsato A Var: Peretti

Marcatori: pt 19’ e 43’ Muriel 45’ Pereyra; st 16’ Zapata 26’ Stryger Larsen

Ammoniti: Pereyra, Samir

Recupero: 0, 3

 

Commento a Atalanta-Udinese 3-2 a cura di Federica Sorrentino

forbes