Home Primo piano In evidenza Scherma: 3 ori iridati U20

Scherma: 3 ori iridati U20

204
0

ficheraL’edizione 2014 dei Campionati del Mondo Cadetti e Giovani di scherma, svoltisi a Plovdiv in Bulgaria, rimarrà nella storia della scherma azzurra per la prima medaglia d’oro dell’Italia nella prova a squadre di sciabola maschile Giovani da quando è stata inserita nel programma gare della rassegna iridata under20.  A scrivere la storia sono state le sciabole di Luca Curatoli, che bissa l’oro individuale, Leonardo Affede, Francesco D’Armiento e Francesco Bonsanto. Il successo e l’urlo di gioia sono arrivati al termine della finale contro la Russia.

Le pedane bulgare hanno accolto dieci intense giornate di gare che hanno regalato emozioni, medaglie, soddisfazioni, rabbia, qualche lacrima di gioia ed anche di rammarico. L’Italia saluta la Bulgaria con un bottino complessivo di otto medaglie. Tre di queste sono d’oro: a tornare in Italia da campioni del Mondo sono stati infatti Eleonora De Marchi, vincitrice del titolo nella spada femminile Cadetti, Luca Curatoli, iridato nella sciabola maschile Giovani e, come detto, la Nazionale azzurra di sciabola maschile under20 formata dallo stesso Curatoli oltre che da Leonardo Affede, Francesco D’Armiento e Francesco Bonsanto. Le medaglie di bronzo sono invece giunte da Claudia Borella nel fioretto femminile Cadetti, Guillaume Bianchi nel fioretto maschile Cadetti, Roberta Marzani nella spada femminile Giovani e dalle Nazionali di fioretto femminile under20 (Camilla Mancini, Francesca Palumbo, Erica Cipressa e Matilde Biagiotti) e fioretto maschile Giovani (Francesco Ingargiola, Damiano Rosatelli, Tommaso Ciuti e Lorenzo Francella).
L’Italia, nello specifico, chiude al quarto posto nel medagliere finale riservato ai Giovani, alle spalle degli Stati Uniti, della Russia e dell’Ungheria, mentre nella classifica per medaglie riservate ai Cadetti, l’Italia è terza dietro Russia ed Ungheria. Ad evidenziare i buoni piazzamenti complessivi ottenuti dagli azzurri, al di là di coloro i quali sono saliti sul podio finale, arrivano i dati della classifica per Nazioni che vedono l’Italia al terzo posto sia tra i Giovani che tra i Cadetti.
Paolo Azzi, Vicepresidente federale e Capodelegazione Giovani della Federazione Italiana Scherma, sottolinea il valore della medaglia di bronzo conquistata da Roberta Marzani nella spada femminile. Un’atleta al primo anno tra gli under20, uscita sconfitta in semifinale solo al minuto supplementare, e artefice di una prestazione davvero eccellente.