Home Atalanta Zona Mista

Zona Mista

123
0

Federica Sorrentino

In sala stampa il volto di Gian Piero Gasperini riflette un’espressione mista di rammarico e consapevolezza. “ Non è facile giocare tutte le partite al meglio. Abbiamo perso una grossa occasione, sicuramente non eravamo nella nostra miglior giornata. Nel primo tempo siamo partiti bene, poi una volta in vantaggio è successo come con la Spal, subendo due gol evitabili. Nel secondo tempo gara a senso unico, ma l’area avversaria era sempre più affollata . Peccato per i blackout che hanno causato il rigore e un gol preso su azione. Dobbiamo essere contenti di averla raddrizzata, perchè le partite possono prendere una piega diversa.  Faccio fatica a rimproverare i miei giocatori, che hanno lottato fino alla fine, ma è evidente che non riusciamo a dare continuità alle nostre prestazioni e ciò non sufficiente per competere per il quarto posto. Devo riflettere sugli equilibri – aggiunge Gasperini – A centro campo abbiamo sofferto un po’ .Non posso pretendere che stiano sempre tutti al meglio, ma occorre ovviare agli sbalzi di rendimento tra una partita e l’altra ”. “Non siamo contenti perchè sappiamo di poter fare molto meglio esordisce Djimsiti- abbiamo commesso errori nel primo tempo, nella ripresa
non siamo riusciti a concretizzare le tante occasioni, ci è mancato sempre l’ultimo passaggio. Purtroppo, nelle ultime due partite in casa abbiamo sempre preso gol” . Un solo punto tra Spal e Genoa. Si fa fatica con le squadre che si chiudono? “Certamente è un gioco diverso, tipico delle squadre che lottano per salvarsi. Per quanto riguarda noi, abbiamo commesso certamente errori difensivi che hanno permesso al Genoa di andare a segno ma anche tante altre piccole imprecisioni” . Nel finale, in 11 contro 10, Djimsiti in versione centravanti. “Me lo ha chiesto il mister, ho avuto l’occasione di colpi re di tacco, ma la palla era troppo lenta e il portiere ha potuto respingerla” . Si riparte dal quarto posto in campionato, mentre si avvicina l’impegno in Champions League. “Penso che il campionato sia lungo e difficile, dobbiamo concentrarci sulla singola partita come abbiamo sempre fatto. La prossima a Firenze sarà altrettanto impegnativa. C’è voglia di riprendere a vincere, ma anche di riscattare l’eliminazione dalla Coppa Italia” . Fuori dallo stadio, invece, c’è un drappello di tifosi ad attendere Andrea Masiello per tributargli affetto e riconoscenza.