Era nell’aria, ma le bocche della società sono rimaste cucite fino ad oggi quando, con un comunicato, hanno annunciato a chi viene affidata la prima squadra dei blucelesti.

Dopo l’esonero di Marcolini, che non era riuscito a portare l’AlbinoLeffe ai playoff – obiettivo primario del presidente Andreoletti – la squadra è stata costretta ad allenamenti supplementari sino a inizio giugno e proprio a Biava era stata affidata la direzione di questo periodo. Ma si è trattato soltanto di un “prestito” dalla Primavera.

forbes

Ora, invece L’U.C. AlbinoLeffe comunica di aver affidato la guida tecnica della Prima Squadra per la Stagione 2022/23 a mister Giuseppe Biava.

Ex difensore, cresciuto nelle giovanili del Leffe, ha esordito tra i professionisti con la maglia dell’Albinese. Dal 1998 al 2004 in maglia AlbinoLeffe (con una parentesi alla Biellese nella stagione 2000/01), è stato tra i protagonisti della Favola Seriana contribuendo alla storica promozione della società bergamasca in Cadetteria. In carriera ha poi vestito le casacche di Palermo, Genoa, Lazio e Atalanta, totalizzando 286 presenze in Serie A.

Alla guida della Primavera bluceleste dalla Stagione 2017/18, lo scorso anno ha centrato la promozione in Primavera 2, conquistando inoltre il titolo nazionale di categoria.

Il tecnico sarà coadiuvato da Raul Bertarelli nel ruolo di allenatore in seconda. Classe 1979, nativo di Vimercate (MB), ha già calcato i campi di Serie C nello staff della Giana Erminio di Cesare Albè, squadra che ha poi guidato nella Stagione 2018/19.

“A mister Biava e al suo secondo Bertarelli – scrivono nel comunicato i dirigenti blucelesti – va il nostro più caloroso in bocca al lupo per la loro nuova avventura sulla panchina bluceleste”.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleIl Ciserano U17 batte Tau Altopascio e va alla finale nazionale
Next articleAll’Atalanta servono qualità, freschezza e fame