Finisce in pareggio, 2-2, la sfida tra Atalanta e Manchester al Gewiss Stadium davanti a 15mila spettatori. Per due volte in vantaggio, con i gol di Ilicic e Zapata, la squadra di Gasperini è stata raggiunta da Cristiano Ronaldo, a segno allo scadere dei primi 45 minuti e nel recupero del secondo tempo. Una vittoria sottratta da un grande campione, ma che non toglie merito all’Atalanta, che ha giocato alla pari prevalendo per lunghi tratti e sfiorando nel finale il terzo gol con Zapata.

forbes

Un pareggio che lascia comunque aperte le porte della qualificazione con l’Atalanta terza nel girone F, a due lunghezze dal Villareal e una dal Manchester United, con due partite da giocare.

L’Atalanta fa la partita nel primo tempo quando passa in vantaggio dopo 11 minuti con Ilicic che va a segno su assist di Zapata. Vantaggio pienamente giustificato dal volume di gioco espresso dalla squadra di Gasperini e dalla capacità di costringere il Manchester ad abbassare il baricentro. La squadra di Gasperini, che dopo 5’ aveva rischiato per un pallone deviato da Palomino e carambolato sul palo, sfiora il raddoppio due volte con Zapata. Poi allo scadere del tempo regolamentare deve arrendersi a una combinazione tra Bruno Fernandes e Cristiano Ronaldo che firma il pareggio. Nella ripresa Gasperini passa al 3-5-2 e l’Atalanta ritrova il vantaggio con Duvan Zapata, che vede negarsi il terzo gol da De Gea prima del colpo finale di Cristiano Ronaldo.

(commento a cura di Federica Sorrentino)

La cronaca

Quindicimila spettatori e bandierine atalantine per tutti in occasione della prima, importante sfida di Champions League con pubblico presente al Gewiss Stadium. Gasperini ripropone De Roon nella retroguardia, completata da due difensori puri, Demiral e Palomino. Conferma della linea di centrocampo con Freuler e Koopmeiners in mediana, Zappacosta e Maehle sulle fasce, e di Pasalic sulla trequarti e Ilicic preferito a Malinovskyi per fare coppia con Zapata. Solskjaer adotta un modulo speculare, con Bruno Fernandes alle spalle di Rashford e Cristiano Ronaldo. Ritornano Pogba a centrocampo e Varane al centro della difesa.

Il primo tiro a rete arriva dopo 20’ ad opera di Ronaldo, che non impensierisce Musso. Al 5’ da un break sulla trequarti si sviluppa una ripartenza del Manchester che sfocia in un tiro di McTominay deviato da Palomino con pallone lemme sul palo esterno. Scampato il pericolo, frutto di un episodio fortunoso, l’Atalanta si rimette in marcia e all’11’ passa in vantaggio con Ilicic, il quale finalizza un’azione dirompente di Zapata, entrato in area sulla sinistra palla al piede e bravo a confezionare l’assist per lo sloveno che di sinistro batte De Gea. La reazione degli inglesi si esaurisce al 16’ con un tiro di controbalzo di Shaw che supera la traversa. La squadra di Gasperini continua a esercitare superiorità nel possesso palla e al 21’ va vicino al raddoppio su lancio in profondità di Koopmeiners per Zapata che sfiora l’incrocio dei pali. Al 31’ Bailly si oppone alla conclusione a rete di Zapata, liberato da un rimpallo davanti a De Gea. Dopo un check al Var si riprende con un corner che non dà esito. Al 38’ Solskjaer perde il centrale difensivo Varane, sostituito da Greenwood. Nel finale di primo tempo il Manchester riemerge in fase offensiva e allo scadere pareggia con Cristiano Ronaldo che sfrutta un colpo di tacco di Bruno Fernandes. A inizio ripresa Gasperini sostituisce Pasalic con Djimsiti, passando al 3-5-2. Nei primi minuti si gioca in spazi stretti e con frequenti interruzioni. All’11’ lancio di Palomino per Zapata che entra in area, elude l’intervento di Maguire e insacca. Il guardalinee segnala fuorigioco ma il Var sovverte il giudizio e l’arbitro assegna il gol. Al 23’ escono Pogba e Rashford avvicendati da Matic e Cavani. Gasperini risponde richiamando Ilicic e affiancando Muriel a Zapata. Il Manchester spinge alla ricerca del pareggio e l’Atalanta è costretta a contenere, chiusa all’indietro. A liberare la squadra dalle corde è la cerniera mediana composta da Freuler, De Roon e Koopmeiners. Al 35’ Zapata colpisce di testa su cross di Zappacosta ma il pallone sorvola la traversa. Un minuto dopo ripartenza del duo colombiano con conclusione di Muriel facile preda di De Gea.

Al 40’ bordata da grande distanza di Zapata che costringe De Gea. La beffa arriva nel primo dei cinque minuti di recupero, quando Cristiano Ronaldo sfrutta un rimpallo di Greenwood e con un destro al volo dai 16 metri infila il pallone nell’angolo.

ATALANTA-MANCHESTER UNITED 2-2

ATALANTA (3-4-1-2): Musso 6 De Roon 7 Demiral 6 Palomino 6.5 Zappacosta 6 Freuler 7 Koopmeiners 7.5 Maehle 6 Pasalic 6 (1’ st Djimsiti 6) Ilicic 7 (26’ st Muriel 6) Zapata 7.5. A disposizione: Sportiello, Rossi, Scalvini, Lovato, Pezzella, Miranchuk, Malinovskyi, Piccoli. All: Gasperini

MANCHESTER UNITED (3-4-1-2): De Gea 6.5 Bailly 6.5 Varane 6 (38’ st Greenwood 6) Maguire 5.5 Wan-Bissaka 6 McTominay 6 (42’ Sancho sv) Pogba 5.5 (23’ st Matic 6) Shaw 6 Bruno Fernandes 6 (42’ st van de Beck sv) Rashford 5 (23’ st Cavani 5) Ronaldo 7.5. A disposizione: Henderson, Heaton, Telles, Dalot, Fred, Lingard, Martial. All: Solskjaer

Arbitro: Vincic (Slo) 6 Assistenti: Klancnik e Kovacic (Slo) IV Uomo: Jug (Slo) Var: Dankert (Ger) AVar: Dingert (Ger)

Marcatori: pt 11’ Ilicic 45’ C. Ronaldo; st 11’ Zapata 46’ C. Ronaldo

Ammoniti: McTominay,

Recupero: 4, 5

(foto: l’esultanza di Ilicic dopo il gol dell’1-0 – credits: atalanta.it)

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleRiscossa nel segno di Zapata e De Roon
Next articleNumero 104