Il Toro ricomincia da tre

455

Sentenza sportive e anticipi catalizzano la 37esima giornata di serie B, con il Torino si vede annullare i tre punti concessi a tavolino della gara disputata e persa a Padova, sospesa per guasto all’impianto di illuminazione, e restituiti ai veneti dalla Corte di giustizia federale. I granata rispondono sul campo superando il Crotone e riprendendo la vetta in solitaria, dopo che il Sassuolo espugna lo stadio delle Rondinelle eliminando il Brescia dalla corsa ai playoff e ribadendo le proprie credenziali per la corsa alla promozione. Stecca per la prima volta, dopo una lunga serie di vittorie casalinghe, il Verona di Mandorlini, che chiude a reti bianche al Bentegodi contro l’Empoli in lotta per la salvezza. Il Pescara ne approfitta balzando al secondo posto grazie alla vittoria conquistata a Gubbio. La bagarre dei playoff vede il Varese imporsi sul campo del Cittadella, il Padova pareggiare a Grosseto e la Sampdoria, è il caso di dire, espugnare il Marassi avendo ragione del Bari, solitamente prolifico in trasferta. I blucerchiati sono a una sola lunghezza dal sesto posto che consente di giocarsi il possibile ritorno nella massima serie.

Il Toro batte all’Olimpico il Crotone e torna in vetta solitario in classifica dopo i tre punti tolti dalla Corte di giustizia federale mentre dietro vincono anche Pescara, Varese, Sampdoria e Reggina. Si infiamma la lotta per i play-off, dunque, il Padova firma un rocambolesco pari a Grosseto, mentre in coda si registrano l’exploit della Nocerina a Vicenza e l’Ascoli che si tira ancora di più fuori dalle zone pericolose battendo il Livorno. La rabbia del Torino, opposto in casa al Crotone, produce il gol di Glick dopo appena 3’su corner di Sgrigna, il quale al 39’ corregge in rete un cross di Antenucci. Il doppio vantaggio del primo tempo dura un quarto d’ora nella ripresa. Calil trasforma un calcio di rigore dopo aver subito fallo in area da Ogbonna. Per il resto c’è il portiere Benussi che tiene a bada i tentativi dei calabresi.

forbes

L’armata Zeman passa a Gubbio strappando gli applausi dei sostenitori eugubini come era accaduto in occasione della straripante vittoria a Padova. Dominio assoluto degli abruzzesi che però sbloccano il risultato solo dopo la mezz’ora del secondo tempo con Sansovini, raddoppiando al 43’ con un colpo di classe di Insigne. Fino ad allora una quindicina di interventi decisivi del portiere umbro Farabbi e quattro pali colpiti dagli abruzzesi, episodi che avrebbero potuto far maturare un altro cappotto.Una doppietta di Eder fa sorridere la Sampdoria, che quando c’è in campo Foggia assume ben altro atteggiamento e si rivela più inventiva e incisiva. Eder sblocca a inizio di ripresa e chiude i conti in contropiede allo scadere. Il Varese approfitta di una clamorosa ingenuità del Cittadella dopo 12’ di gioco per portare a casa tre punti pesanti. Il successo dei lombardi matura sugli sviluppi di un calcio d’angolo a favore dei veneti, a seguito del quale scatta il contropiede degli ospiti con Granoche che verticalizza per De Luca, il difensore Gorini manca l’impatto con il pallone e per l’attaccante è gioco facile battere il portiere. Il Padova spreca a Grosseto il vantaggio acquisito nel primo tempo grazie a una doppietta di Cacia. Al 7’ e al 9’ della ripresa Sforzini risponde con due colpi di testa vincenti, fissando il risultato che potrebbe cambiare al 93’ quando una bordata di Italiano si stampa sulla traversa. L’Ascoli completa il miracolo salvezza superando in casa il Livorno. Il solito Soncin nel primo tempo e Scalise nella ripresa firmano il successo contro la squadra di Madonna che fallisce un calcio di rigore nel finale con Dionisi. Ora il Livorno è chiamato a difendere con i denti i due gol di vantaggio nella partita che sarà recuperata a Pescara, sospesa al 36’ del primo tempo a seguito del dramma capitato a Piermario Morosini.

La Nocerina rimescola le carte in zona retrocessione andando a vincere a Vicenza, che sbaglia un penalty con Abbruscato finendo per subire la rete decisiva in pieno recupero del primo tempo dal campano Farias. Nel conto ci sono anche un palo colpito nella ripresa da Castaldo e il secondo calcio di rigore concesso al Vicenza, che Paolucci si fa parare da Concetti. Calci di rigore decisivi anche a Reggio Calabria, dove nel secondo tempo l’Albinoleffe ne spreca uno con Regonesi, mentre la Reggina non fallisce con Ceravolo che condanna virtualmente la squadra bergamasca. Il Modena fa bottino pieno contro la Juve Stabia consentendo al suo allenatore Bergodi di festeggiare il decimo risultato utile consecutivo, ovvero sempre bene da quando è tornato in panchina.

Risultati 37a giornata: Ascoli-Livonro 2-0 Brescia-Sassuolo 1-2 Cittadella-Varese 0-1 Grosseto-Padova 2-2 Gubbio-Pescara 0-2 Modena-Juve Stabia 3-0 Reggina-Albinoleffe 1-0 Sampdoria-Bari 2-0 Torino-Crotone 2-1 Verona-Empoli 0-0 Vicenza-Nocerina 0-1

Classifica: Torino 70 Pescara 68 Sassuolo Verona 67 Padova 60 Varese 59 Sampdoria 58 Reggina 54 Brescia 53 Juve Stabia (-4) 52 Modena 48 Grosseto 47 Bari (-6) 45 Cittadella 44 Crotone (-2) 43 Ascoli (-7) 41 Livorno 38 Empoli 35 Nocerina 34 Vicenza 34 Gubbio 31 Albinoleffe 25

 

 

forbes