Prandelli pronto a perdonare De Rossi e Balotelli, i quali, messi in punizione in occasione della gara di qualificazione all’Europeo 2012 con la Slovenia, potrebbero essere chiamati per sostenere l’impegno amichevole in Ucraina. Quello del ct azzurro diventa, dunque, poco più di un avvertimento per gli errori commessi dai due giocatori: il mediano giallorosso ha rimediato una pesante punizione (quattro turni) dall’Uefa, l’attaccante del Manchester City si è fatto espellere per un fallaccio incomprensibile compromettendo il cammino della squadra di Roberto Mancini.

Ma a fare rumore nel lunedì post-campionati è la squalifica record, come non si ricordava da tempo, subita da Davide Bombardini, il fantasista dell’Albinoleffe (nella foto) fermato per otto giornate dal giudice sportivo di serie Bwin. La motivazione: avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in area di rigore avversaria (Sesta sanzione); per avere, al 44° del secondo tempo, censurato una decisione arbitrale, appoggiato entrambe le mani sul petto del Direttore di gara e lo sospingeva con veemenza; quindi, all’atto della notifica del provvedimento disciplinare di espulsione, gli rivolgeva reiterate locuzioni ingiuriose. Bisogna tornare indietro nel tempo, alle supersqualifiche di nove giornate inflitte negli anni ’70 a Panzanato, ex stopper del Napoli, e al mitico Roberto Boninsegna(quello del gol al Brasile di Pelè nella finale di Mexico 70) e alla stagione 1968-69, quando Omar Sivori venne fermato per sei turni a seguito della rissa scoppiata in occasione della partita tra Napoli e Juventus. Una penalizzazione che fece maturare nel giocatore italo-argentino la decisione di lasciare il campionato italiano. Nel caso di Bombardini, viene da chiedersi quanto grave sia stato il suo comporamento, tanto da indurre il giudice sportivo ad assumere una decisione destinata a lasciare il segno. L’altro cattivo di turno è il laziale Francelino Matuzalem, graziato per la pedata sul volto di Totti nel derby capitolino, fermato per tre turni per la manata a Jimenez durante Lazio-Cesena, evidenziata dalle immagini televisive Il centrocampista della Lazio aggiunge anche il turno di squalifica per ammonizione in quanto diffidato e risulta dunque squalificato per un totale di quattro giornate.

forbes

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleVolley: Foppa in vetta alla A1, cerca l’impresa in Coppa Italia
Next articlePanathlon e Club Alpino: sinergia sui valori dello sport