Trionfi di Milan e Roma in Champions League grazie ai secondi 45 minuti giocati in modo straordinario. Fantastici i rossoneri sul campo dell’Auxerre, dove passano per 2 a 0 grazie alle reti segnate da Ibrahimovic, con una girata di destro fulminante sotto la traversa, e Ronaldinho che piazza la palla con un sinistro calibratissimo nell’angolo alla destra del portiere avversario, aggirando un difensore. La squadra di Allegri si ritrova così qualificata con un turno di anticipo agli ottavi di finale come seconda del girone dominato dal Real Madrid, vittorioso per 4 a 0 sul campo dell’Ajax, eliminato.

Serata leggendaria all’Olimpico di Roma dove i giallorossi risorgono nella ripresa contro il Bayern Monaco dopo un primo tempo da incubo, durante il quale due imperdonabili errori difensivi consentono a Mario Gomez di segnare una doppietta. La squadra di Ranieri si trasforma al rientro in campo e trova il gol con Borriello, autore di una giocata quasi impossibile con pallone colpito da terra e messo alle spalle del portiere tedesco. Negli ultimi 20 minuti la Roma si affida al capitano Totti, che dà un ulteriore impulso alla manovra offensiva fino a completare la rimonta e realizzare il sorpasso. Accade nel giro di tre minuti. All’81’ discesa di Riise sulla sinistra lanciato da Totti e cross al centro dove irrompe De Rossi e insacca. Sulle ali dell’entusiasmo la squadra giallorossa si getta in avanti e all’84’ si vede assegnare il calcio di rigore per atterramento in area di Borriello da parte dell’estremo difensore. Sul dischetto va Totti che mette a segno il 3-2. Impresa memorabile che consente alla Roma di conservare tre punti di vantaggio sul Basilea alla viglia dell’ultimo impegno del girone a Cluj, dove può bastare anche il pareggio per l’accesso agli ottavi.

forbes
close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleTennis: Starace e Schiavone i best italiani nel ranking mondiale
Next articleChampions: l’Inter soffre, ma risponde all’appello. E’ agli ottavi