Giro d’Italia, Valentin Paret-Peintre si aggiudica in solitaria la 10a tappa

Il francese della Decathlon AG2R ha preceduto il connazionale Romain Bardet e lo sloveno Jan Tratnik.

59

Doppietta transalpina dopo il giorno di riposo per il Giro d’Italia che ha visto salire sul gradino del podio un Paret-Peintre.

Se lo scorso anno era stato Aurelien, a Bocca di Selva si è imposto Valentin che si è aggiudicato al decima tappa anticipando il connazionale Romain Bardet (Team dsm-firmenich PostNL) e lo sloveno Jan Tratnik (Team Visma-lease a bike).

forbes

Via libera alla fuga sin dall’inizio grazie alle intenzioni espresse dall’UAE Team Emirates che ha consentito ai battistrada di prendere sino a sei minuti nonostante la possibilità di far rientrare in classifica alcuni corridori.

Ad attaccare ci hanno quindi pensato Tobias Foss (INEOS Grenadiers), Nicola Conci (Alpecin-Deceuninck), Simone Velasco (Astana Qazaqstan Team), Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe), Simon Geschke (Cofidis), Aurelien e Valentin Paret-Peintre (Decathlon AG2R), Esteban Chaves (EF Education-EasyPost), Enzo Paleni (Groupama – FDJ), Marco Frigo (Israel Premier Tech), Andrea Bagioli e Juan Pedro Lopez (Lidl-Trek), Will Barta (Movistar Team), Julian Alaphipippe e Mauri Vansevenant (Soudal Quick-Step), Romain Bardet, Chris Hamilton e Kevin Vermaerke (Team DSM), Alessandro De Marchi e Filippo Zana (Team Jayco AlUla), Mattia Bais (Team Polti Kometa), Jan Tratnik (Team Visma-lease a bike), Domenico Pozzovivo, Luca Covili e Filippo Fiorelli (VF Group-Bardiani CSF-Faizanè) e Damiano Caruso (Bahrain-Victorious) che sono andati avanti di comune accordo sino al traguardo volante di Guardia Sanframondi dove se n’è andato in solitaria Tratnik.

L’esperto sloveno ha preso circa un minuto di vantaggio sui diretti avversari guidati da Bardet, Valentin Paret-Paintre, Bagioli e Frigo.

Avvicinandosi alla salita finale i due francesi si sono liberati dei corridori azzurri andando alla caccia della vetta della corsa, mentre dietro Pozzovivo provava da solo a chiudere il buco.

A tre chilometri dal traguardo è scattato in solitaria Paret-Peintre che prima ha staccato Bardet e poi saltato Tratnik, con quest’ultimo che si è dovuto arrendere anche alla rimonta del francese.

Un allungo decisivo che ha consentito a Paret Peintre di conquistare il primo successo nella Corsa Rosa con 30 secondi su Bardet e un minuto su Tratnik.

Quarta piazza in chiave tricolore per Andrea Bagioli davanti a Filippo Zana e Domenico Pozzovivo, rispettivamente settimo e ottavo, mentre dietro attaccava Antonio Tiberi (Bahrein-Victorius), in grado di metter in crisi la maglia bianca vestita dal belga Cian Uijtdebroeks (Team Visma | Lease a Bike), staccatosi proprio nell’ultimo chilometro.

Nessuna novità per le prime posizioni della classifica generale con Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) che conserva la maglia rosa con 2’40” su Daniel Martinez (Bora-Hansgrohe) e 2’58” su Geraint Thomas (Ineos-Grenadiers).