La terza edizione delle Alpiniadi, competizione sportiva estiva riservata agli atleti Alpini e disputatasi a Isola di Gran Sasso, in Abruzzo, ha visto la partecipazione di duemila atleti. È stata un’occasione per rinsaldare quell’amicizia resa ancora più forte dal sostegno dato da tanti volontari dell’ANA durante il terremoto agli aquilani.

Le gare sono state appassionanti e hanno toccato vari territori dell’Aquila. Nella città abruzzese si è tenuta la cerimonia di apertura con la sfilata iniziale e l’accensione della fiaccola, poi Fossa dove gli alpini dell’ANA costruirono un villaggio di accoglienza nel dopo sisma per gli sfollati, Rocca di Mezzo e Isola del Gran Sasso per il gran finale.

La staffetta in montagna, all’ombra del Gran Sasso, si è sviluppata in sette chilometri di percorso, dove ha visto trionfare la squadra dell’ANA di Bergamo con Flavio Ghidini, Emilio Mognetti e Fabio Pasini, ma, a prevalere, sono stati soprattutto l’amicizia, lo stare insieme in quattro giorni che hanno riempito di penne nere la città e i paesi limitrofi. Presente il presidente nazionale dell’ANA, Sebastiano Favero, che ha potuto verificare la grande organizzazione della sezione Abruzzi, impeccabile sotto tutti i punti di vista.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleTennis, in B1 Treviglio ai playoff. In B2 salve le ragazze del Città dei Mille
Next articleLions, e quella voglia di riempire otto anni di vuoto