di Mattia Blackjack Chiarella

Per citare il commentatore televisivo del film “Ogni maledetta domenica”, la partita che questo fine settimana ha permesso ai Lions Bergamo di diventare una delle finaliste del Campionato Italiano di Seconda Divisione 2022 può essere riassunta con una frase: “Questo è football!”.

I commenti social, infatti, lo hanno confermato: i Giaguari Torino, scesi in campo da favoriti in questa competizione, si sono rivelati una squadra temuta, corretta e agguerrita spingendo i Lions Bergamo a combattere strenuamente e, letteralmente, fino all’ultimo secondo per portare a casa la partita. Di seguito, quindi, il resoconto della competizione.

I torinesi partono in attacco spingendosi, nell’arco di quattro azioni, a ridosso dell’end zone orobica: sarà il pronto intervento di Pezzotta a recuperare una palla persa e spingersi in “zona neutrale”, circa a centro campo, correndo per quasi una cinquantina di yard. Schierati in attacco, quindi, in due sole azioni, i Lions si trovano a una trentina di yard dalla meta avversaria: Rossi scarica in end zone, ma un difensore torinese spazza via il pallone impedendo la prima segnatura della partita. Per essere certi di non lasciarsi sfuggire l’occasione, la panchina guidata da Coach Cosbie schiera lo Special Team per un field goal dalla distanza di circa 28 yard: Veber fa centro! 0-3 per gli orobici.

La risposta torinese, a pochi minuti dalla chiusura del primo quarto di gioco, giunge con una corsa di un Runningback giaguaro che si insinua nell’end zone bergamasca segnando, con trasformazione al seguito, la prima meta della partita: 7-3 per i Giaguari.

L’offensiva Lions carica un ruggito di sfida ai felini piemontesi poco dopo il cambio di campo: una corsa di Podavitte porta gli orobici in una posizione favorevole a Rossi che, a pochi centimetri dalla end zone torinese, indovina uno scramble laterale entrando in touchdown, poi trasformato da Veber: 7-10 e nuovo vantaggio per gli orobici.

Il vantaggio è incrementato qualche minuto più tardi quando, grazie a un intercetto di Bonzanni che riporta la palla nelle mani dell’attacco dei Lions sulle 15 yard torinesi, Gregorio riceve e avanza per ben tre volte. Quindi, a cinque yard dalla linea di meta e segnalati i due minuti al termine della prima frazione di gioco, è Podavitte a realizzare una nuova segnatura su passaggio di Rossi poi trasformato da Veber. 17-7 per i Lions.

Purtroppo, il sogno vissuto dagli orobici fino a questo momento è destinato a finire: uno snap eccessivamente alto di Ferrarese porta la palla oltre la end zone orobica alle spalle di Galbiati, trasformando la situazione in una “Safety” da due punti per i Giaguari: 17-9.
Nonostante, fino a questo momento, la difesa orobica abbia concesso davvero poco agli avversari, si ha una situazione già vista ma a parti invertite: i Giaguari spingono il proprio attacco a pochi centimetri dalla linea di meta leonina e, pochi secondi dopo, segnano con, al seguito, una conversione da due punti: perfetta parità, 17-17.

Durante l’ultimo quarto, come in un film, la tensione al Primo Nebiolo è salita alle stelle: prima un touchdown dei Giaguari che, non trasformando, passano in vantaggio 23-17; quindi, pochissime azioni dopo, grazie all’intercetto di Pezzotta, la palla passa in mano ai Lions e riescono ad andare in touchdown con Podavitte trasformata da Veber porta i Lions in vantaggio 23-24.

All’ultimo secondo di gioco, a circa 19 yard di distanza, il kicker torinese tenta un field goal che non entra. A questo punto, non ci resta che aspettare pazienti il 25 giugno, alle ore 21.00, per affrontare al Velodromo Maspes-Vigorelli di Milano gli Skorpions Varese. Per la terza volta in questo campionato. Ecco a voi, quindi, il link per poter acquistare i biglietti per il “Silver Bowl”: https://www.diyticket.it/events/Sport/8099/silver-bowl-2022-finale-campionato-italiano-ii-divisione.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleFedermoto celebra gli 80 anni di Giacomo Agostini
Next articleL’ACI fa gli auguri ad “Ago” e lancia l’idea di un museo degli sportivi bergamaschi