Home Primo piano In evidenza L’Italia è tutta un fioretto

L’Italia è tutta un fioretto

217
0

baldiniIl sipario cala sui Campionati del Mondo Assoluti di scherma di Budapest sulle note dell’inno d’Italia. Le luci della Syma Hall della capitale ungherese si sono spente dopo l’ultima finale, quella di fioretto maschile a squadre, che ha visto l’Italia trionfare salendo sul gradino più alto del podio.  L’ultima gioia del Mondiale azzurro arriva dai fioretti di Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Valerio Aspromonte e Giorgio Avola che in finale superano nettamente gli Stati Uniti col punteggio di 45-33. Gli azzurri, auto-definitisi nell’inno pre-match i “Cippo-Boys”, non hanno lasciato scampo alla formazione statunitense del neo Campione del Mondo individuale Miles Chamley-Watson. Alla stoccata finale è iniziata la festa conclusasi poi sul podio, con gli abbracci tra i quattro azzurri, il CT Andrea Cipressa e tutto lo staff italiano.  Le porte della finale per l’Italia si erano aperte dopo un percorso che li ha visti superare dapprima la Repubblica Ceca, col punteggio di 45-26 ed a seguire la Gran Bretagna per 45-33. In semifinale la sfida thrilling con la Russia. Un assalto dalle mille emozioni che ha visto l’Italia in vantaggio per tre/quarti del match, prima della rimonta russa e del sorpasso. A chiudere i conti è stato l’ultimo frazionista, Andrea Baldini, che a 49 secondi dalla fine del match si trovava dinanzi un segnapunti che mostrava un 43-41 in favore della Russia. L’azzurro ha tirato fuori tutta la sua classe, riprendendo il punteggio, sino al 44-44 dove è stato bravo a concludere per il 45-44 che ha innescato i festeggiamenti azzurri per la certezza della medaglia. Il medagliere azzurro, quindi, si chiude a quota otto, considerando le tre medaglie d’oro (Arianna Errigo, fioretto femminile a squadre, fioretto maschile a squadre), le tre di bronzo (Valerio Aspromonte ed Elisa Di Francisca nel fioretto, Irene Vecchi nella sciabola) e le due giunte dalle pedane di scherma paralimpica: l’oro di Alessio Sarri nella sciabola maschile categoria B ed il bronzo di William Russo nel fioretto maschile categoria C.

(fonte: federscherma)