Sergio Meris vince la quarta tappa del Giro della Val d’Aosta e conquista la prima vittoria fra gli Under 23

68

di Marco Cangelli
Grande festa in casa Team Colpack Ballan CSB che al Giro della Val d’Aosta ha conquistato la quarta tappa con Sergio Meris.

Il 22enne di Gorle ha colto il primo successo nella categoria Under 23 giungendo in solitaria sul traguardo di Fenis al termine di una frazione da cinque gran premi della montagna lungo i 172 chilometri in programma.

forbes

La prima parte della corsa è stata caratterizzata dalla fuga di giornata che ha visto Edoardo Sandri (Q36.5 Continental Team), Jonathan Vervenne e Leander Van Hautegem (Soudal-Quick Step Devo Team), Mauro Brenner (Development Team DSM-firmenich), Antonio Morgado (Hagens Berman Axeon),Aviv Bental (Israel-Premier Tech Academy), Seppe Declercq (Basso Team Flanders) e lo stesso Sergio Meris prendere il largo con l’irlandese Darren Rafferty (Hagens Berman Axeon) che ha provato a guadagnare tempo in classifica generale.

L’Equipe Continentale Groupama-FDJ del leader della gara Joshua Golliker non è riuscita a rispondere lasciando ai battistrada sette minuti di vantaggio con Rafferty, Brenner, Meris, Bental e Vervenne che sono rimasti da soli al comando in vista del gran premio della montagna di Champremier.

Proprio sulla penultima salita di giornata Isaac Del Toro (A.R. Monex Cycling), Samuel Florian Kajamini (Team Colpack Ballan) e Marcel Camprubi (Q36.5 Continental Team) sono evasi dal gruppo distanziando Golliker che è andato alla deriva.

Davanti si sono quindi giocati il successo finale con Vervenne che non è riuscito a tenere le ruote degli avversari, mentre Meris scattava a tre chilometri dal traguardo aggiudicandosi un’importante vittoria con 1’08” su Rafferty e 1’24” su Brenner.

In casa Team Colpack Ballan CSB va segnalata anche la settima posizione di Kajamini che ha concluso le fatiche con 4’38” di ritardo dal vincitore, mentre Pavel Novak si è dovuto accontentare della dodicesima piazza a 5’34” da Meris.

In classifica generale è balzato al comando Rafferty con 2’44” sul francese Alexy Faure Post (Circus-ReUz-Technord) e 3’19” su Del Toro, mentre Novak scende al sesto posto a 5’11” dalla vetta.