ITA SCOTermina con una sconfitta il primo test match dell’Italia in vista del Mondiale in Inghilterra. Gara in salita per gli uomini di Brunel che a Torino soffrono i calci piazzati di Weir (3 su 3 nella prima frazione) e che riescono a centrare il pareggio solo sul finale di tempo con un calcio piazzato di Allan sul 9-9. Nella ripresa gli Azzurri centrano il primo vantaggio del match con un piazzato del proprio numero 10, ma nel finale Pyrgos mette a segno l’unica meta del match che vale la vittoria per la Scozia. Il ct Brunel sottolinea la buona presenza nel primo tempo con un possesso di circa il 70%. Semmai la debolezza è aver lasciato qualche punto di troppo agli avversari. Di fatto una buona partita, sia sui calci piazzati che di intensità, ma occorre migliorare le situazioni nelle mischie, così come la touche.

Italia v Scozia 12-16

forbes

Marcatori: p.t. 3’ c.p. Weir (0-3); 12’ c.p. Weir (0-6); 17’ c.p. Garcia (3-6); 20’ c.p. Weir (3-9); 24’ c.p. Allan (6-9); 40’ c.p. Allan (9-9) s.t. 22’ c.p. Allan (12-9); 34’ m. Pyrgos tr. Weir (12-16)

Italia: Masi, Sarto, Benvenuti, Garcia (75’ Canna), Venditti, Allan, Palazzani (75’ Violi), Vunisa, Minto, Zanni (61’ Bergamasco), Bernabò (52’ Bortolami), Geldenhuys, Cittadini (50’ Castrogiovanni), Giazzon (50’ Ghiraldini), Aguero (50’ Rizzo). A disposizione: Ghiraldini, Rizzo, Castrogiovanni, Bortolami, Bergamasco, Violi, Canna, Mclean. all. Brunel

Scozia: Tonks, Lamont, Vernon (68’ Horne), Scott, Hughes (63’ Hoyland), Weir, Hidalgo-Clyne (61’ Pyrgos), Ashe, Hardie (55’ Watson), Strokosch, Hamilton, Gray, Cusack (47’ Nel), Mclnally (52’ Ford), Reid (43’ Dickinson). A disposizione: Ford, Dickinson, Nel, Bryce, Watson, Pyrgos, Horne, Hoyland. all. Cotter.

arb. Doyle

Man of the match: Vunisa (Italia)

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleL’uomo con le ali su cime celesti
Next articleBolt, 1/100 per il trono dei 100