Alice Noascon Fragno tra le ragazze (che era anche la testa di serie numero 1) e Leonardo Borrelli (Tc “Città dei Mille”) tra i ragazzi, terzo favorito della vigilia. Sono loro ad alzare le braccia al cielo dopo dieci giorni di gare della tappa al Tennis Como del Super Next Gen Italia, circuito nazionale osservato dalla Federazione che mette in campo i migliori Under 18 della Penisola.

A Villa Olmo, a pochi passi dalle acque del Lago di Como, si sono sfidati 208 giocatori della Macroarea Nord-Ovest che raggruppa Lombardia, Liguria, Valle d’Aosta e Piemonte. E sono stati proprio i ragazzi piemontesi i grandi protagonisti, con tre giocatori su quattro nelle due finali.

forbes

Il torneo si è contraddistinto per il grande equilibrio, con entrambe le finali che si sono concluse al terzo set. La Noascon Fragno, nel femminile, ha superato un’altra piemontese, Camilla Angioni-Martino del Country Club Cuneo, per 3-6 7-5 6-3 dopo aver recuperato un break nella seconda frazione. Sconfitte in semifinale Ginevra Sassi e Alice Dell’Orto del Ct Ceriano.

Nel maschile, invece, Borrelli ha avuto la meglio su Alessandro Zapelli (Tc Piazzano di Novara) per 6-7 6-0 6-1. Superati in semifinali gli ottimi Under 16 lombardi Giulio Stella (Ct Cantù) e William Mirarchi (Tc Villasanta).

Non mi aspettavo di vincere, arrivavo da un infortunio e non ero nelle condizioni migliori, facevo fatica – ha commentato alla fine Alice Noascon Fragno –. Invece sono riuscita a lottare e ad aggiudicarmi il titolo. La chiave del match? Far fare alla mia avversaria sempre uno scambio in più”.

Gioia che trapela anche dalle parole di Leonardo Borrelli: “Sono molto soddisfatto per come ho giocato, nonostante un primo set teso. Poi però mi sono ripreso anche con il mio gioco ed è andata bene. Sono arrivato a Como sapendo di poter fare bene”.

Davvero complimenti a questi ragazzi – è stata infine la chiosa della presidente del Tennis Como, Chiara Sioli, nel corso delle premiazioni alla presenza del delegato della Fit Walter Schmidinger e del direttore del torneo Paolo Carobbio –. Sono stati encomiabili, in alcuni momenti, anche eroici per l’impegno che ci hanno messo, senza mollare mai una palla, nonostante il grande caldo che si percepiva sul campo e che è stato presente per tutte le giornate di gara. Condizioni molto dure in cui è emerso il grande fair play tra i ragazzi. La lezione di sport che hanno dato a tutti noi è stata notevole. Le cose che mi ricorderò di questo Super Next Gen Italia targato 2022 sono le pochissime discussioni e il rispetto che c’era tra tutti i concorrenti”.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleValentina Vaccari convocata per gli Europei Under 18 a Gerusalemme
Next articleSerie C: c’è lo sforzo delle società, ma gli obiettivi di risanamento sono lontani