Un pareggio che non fa sorridere ma nemmeno disperare. La distanza(tre punti) dal quart’ultimo posto resta invariata, ma l’Albinoleffe non può certo essere contento dell’esito della prima gara casalinga del 2011. Non lo è Mondonico, il quale accetta e prende atto, ma nel dopopartita lancia chiari moniti ai giocatori. Non gli pare vero assistere a giocate approssimate o atteggiamenti arrendevoli in campo. Peggio ancora leggere nei volti scontentezza per il solo fatto di sedere in panchina. Effetti delle sirene del mercato aperto fino al 31 gennaio? Al di là della rosa ancora da sfoltire (ci sono 31 effettivi in organico), il messaggio lanciato a microfoni e taccuini non lascia dubbi: chi vuole andare o sente di non appartenere al progetto dell’Albinoleffe, vada pure. Ma lo dica con chiarezza. A buon intenditor, poche parole.

La gara con la Triestina, prima del girone di ritorno, si presentava come una di quelle da vincere, trattandosi di una squadra diretta concorrente dell’Albinoleffe nella corsa per la salvezza. La formazione seriana, schierata da Mondonico con il 3-4-1-2, appare votata alla concretezza. Salvioni, sulla panchina della Triestina, si adegua, anche perché sul piano della qualità l’Albinoleffe fa valere migliori individualità. Ma alla lunga, pur facendo possesso palla nella metà campo avversaria, non riesce ad effettuare un vero tiro in porta nei secondi 45’. A conti fatti, in almeno una decina di occasioni i giocatori seriani sbagliano l’ultimo passaggio o non sono capaci di affrontare l’uno contro uno. Regonesi fornisce la spinta necessaria sulla fascia sinistra, Passoni svolge bene il proprio ruolo davanti alla difesa preoccupandosi anche di far ripartire l’azione, Cocco si gode il primo gol ufficiale, Bombardini non riesce a fare tutta la differenza che potrebbe. Questo, in sintesi, il giudizio sulla prova generale dell’Albinoleffe.

forbes

La partita inizia con una conclusione di Antonelli, che è una cartolina di saluti per Tomasig. Al 5’ buona palla in area per Torri, contrato in calcio d’angolo. Dalla bandierina si sviluppa un’azione incredibile con il pallone che rimbalza per qualche secondo lungo la linea della porta triestina senza che nessuno dei blu celesti riesca a spingerla in rete. Dopo un lungo periodo di pacificazione, la squadra seriana rompe la monotonia con un lancio di Zenoni per Cocco che di controbalzo impegna Colombo nella respinta. Non succede altro fino al 22’ quando Regonesi improvvisa un cross col piede destro che Cocco raccoglie di testa appoggiando di precisione nell’angolo alla destra di Colombo, messo fuori causa. Con l’Albinoleffe in vantaggio, la Triestina prova a reagire e al 27’ Della Rossa dalla linea dei 16 metri impegna Tomasig nella respinta con i pugni. Al 33’ il pareggio della Triestina: una giocata di Testini, autore dalla fascia sinistra di un tiro cross verso il centro dell’area seriana dopo aver aggirato la marcatura blanda di Zenoni, innesca l’intervento vincente di Della Rocca appostato davanti a Tomasig. Al 38’ si ripropone la combinazione tra Regonesi e Cocco, il cui colpo di testa, deviato da un difensore, sfiora l’incrocio dei pali. Al 40’ Bombardini, spostato a sinistra, entra in area e cade. L’arbitro ravvisa la simulazione e lo ammonisce. Al 42’ brivido per la retroguardia dell’Albinoleffe con lancio in area di Lunardini per Testini che impatta in Tomasig in uscita e il pallone viene rimpallato sul fondo.

Nella ripresa, al 2’, Bombardini ruba palla in corsa a Cottafava che lo ferma fallosamente e viene ammonito. La squadra di Mondonico appare più propositiva in attacco, i giuliani provano a partire in contropiede, ma senza efficacia. A due terzi di gara Cissè subentra a Torri e va ad occupare la fascia sinistra per dare maggiore profondità all’azione dei blucelesti. Al 20’ Cissè riceve da Cocco, punta l’area triestina, si accentra e impegna Colombo in una parata a terra. Poi Luoni subentra a Zenoni. Al 23’ destro velenoso da fuori area di Della Rocca che costringe Tomasig alla deviazione in angolo. Bombardini prova ad ispirare il fronte d’attacco, ma le folate non sortiscono occasioni da rete. Al 40’ una clamorosa distrazione di Passoni, fino a quel momento impeccabile, rischia di far involare Godeas verso la porta seriana. Nella girandola di sostituzioni nell’ultima parte dell’incontro c’è spazio anche per il neoacquisto giuliano Miramontes che invita alla comoda parata Tomasig. Mondonico cerca di vivacizzare l’attacco inserendo Momentè per Cocco. Ma accade null’altro.

ALBINOLEFFE-TRIESTINA 1-1

ALBINOLEFFE: Tomasig 6 Lebran 5.5 Passoni 6 Bergamelli 5.5 Zenoni 5.5 (21’ st Luoni 6), Hetemaj 5.5, Previtali 5.5 Regonesi 6 Bombardini 6, Torri 5.5 (18’ st Cissè 5.5) Cocco 6 (41’ st Momentè sv). A disposizione: Layeni, Garlini, Foglio, Grossi. Allenatore: Mondonico

TRIESTINA: Colombo 6, Sabato 5.5, Cottafava 5.5, Malagò 6, Matute 6, Antonelli 5.5, Lunardini 6, Gerbo 5 (36’st Filkor sv), Testini 6 (41’ st Miramontes sv) Della Rocca 6 (33’ st Godeas sv), Marchi 5. A disposizione: Viotti, D’Aiello, Bariti, Longoni. Allenatore: Salvioni

Arbitro: Pinzani di Empoli 5.5

Marcatori: pt 22’ Cocco 33’ Della Rocca

Ammoniti: Bombardini,Cottafava, Gerbo, Zenoni. Recupero:IIt 4’

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleDiscesa maschile a Wengen: Heel è quinto, settimo Innerhofer
Next articleSerie B: Siena, Novara e Atalanta, un trio al comando