Il Milan supera 2-0 il Bate Borisov nel terzo incontro del girone di qualificazione agli ottavi di Champions League e mantiene passo e punteggio del Barcellona. Una prova convincente quella sostenuta dai rossoneri contro i Allegri non ripropone il trio meraviglia visto all’opera in campionato, preferendo Boateng a Robinho come trequartista alle spalle di Cassano e Ibrahimovic. Il brasiliano viene fatto entrare al posto dell’attaccante barese nell’ultima mezz’ora di gioco. Aquilani, Vam Bommel e Nocerino formano la linea di centrocampo. In difesa Abate, Nesta, Bonera e Taiwo, con Abbiati tra i pali. Primo tempo di netto predominio rossonero che frutta una quindicina di tiri e il gol di Ibrahimovic che sblocca il risultato al 33’, ma anche una clamorosa disattenzione di Van Bommel che per poco non consente a Bressan, brasiliano con passaporto bielorusso, di sorprendere Abbiati, autore di una parata straordinaria. Al riposo con il minimo vantaggio, nei primi minuti della ripresa il Milan concede qualche opportunità di troppo agli avversari, poi riprende a dettare supremazia e al 25’ raddoppia con gol da cineteca di Boateng che manda il pallone sotto la traversa e in rete. Dopo l’ingresso di Emanuelsson per la standing ovation di Boateng, al primo gol in Champions, Allegri fa esordire Mexes, il quale, reduce da infortunio, dopo 267 partite con la Roma, va ad occupare il posto di centrale ricoperto da Nesta.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleVolley: la Foppa in vetrina
Next articleBasket Eurolega, le italiane partono col piede giusto