Serviva la vittoria, possibilmente con largo punteggio, per puntare al primo posto nel girone di Champions League. Invece il Milan chiude in pareggio la gara in terra bielorussa con il Bate Borisov dopo essere passato in vantaggio e aver mancato in più occasioni il raddoppio. Per tutto il primo tempo e il primo quarto d’ora della ripresa in campo si vedono solo i rossoneri, schierati con Boateng alle spalle di Robinho e Ibrahimovic. Da uno scambio tra i due, con assist del brasiliano per lo svedese, nasce il gol del Milan. Ibra festeggia mostrando una maglietta di Cassano. Poi lo stesso Robinho colpisce il palo e la squadra di Allegri non finalizza buone opportunità. Clamorosa svista arbitrale che non s’accorge di un clamoroso tocco con il braccio di un difensore del Bate Borisov sulla linea di porta. Ancora decisivi gli interventi di Abbiati sulle conclusioni pericolose dei giocatori bielorussi. Nel secondo tempo un fallo in area rossonera provoca la concessione di un calcio di rigore che Bressan trasforma consentendo al Bate Borisov di piazzarsi al terzo posto del girone e avere la certezza di giocare in Europa League. Ora il Milan, per conquistare il primato nel girone, deve battere il Barcellona a San Siro.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleSerie B: Toro inarrestabile, Pescara, Sassuolo e Padova non mollano
Next articleAntonio Cassano: necessario intervento cardiologico