La tappa n. 17 porta male al campione italiano Visconti,.che s’impone in volata sul traguardo di Tirano, ma per ordine di giuria deve cedere lo scettro del vincitore a Ulissi, finito secondo ma spinto vistosamente quando stava per effettuare il sorpasso. Si tratta del terzo successo italiano in una edizione del Giro dominata dagli stranieri. Ulissi e Visconti facevano parte di un gruppo di una quindicina di corridori scattati ben presto e pronti ad inerpicarsi sulle salite di giornata. Sulla prima, il Tonale, passano nell’ordine Gastauer, Dupont e Bakelandts. Sull’Aprica passa per primo Lastras, davanti a Visconti e Sivtsov. Dopo la discesa che vede Lastras all’attacco, sul tratto finale in pianura arrivano in quattro con l’esito descritto. Classifica immutata per quanto riguarda le prime tre posizioni, con la maglia rosa Contador che conserva 4’58″ di vantaggio su Scarponi e 5’45″ su Nibali. Balza dal 12esimo al quinto posto Sivtsov, che guadagna 2’53″ compresi 4 secondi di abbuono. La corsa rosa riparte da Morbegno per raggiungere San Pellegrino. Una tappa di media montagna che segna la prima delle due giornate bergamasche del Giro d’Italia. Si arriva nel Paese di Ivan Gotti, che ha vinto due edizioni. L’indomani partenza da Bergamo, la città dei mille, per una tappa di alta montagna.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleRoberto Baggio, un calcio a fame e povertà in Perù
Next articleTennis: al Roland Garros resistono Schiavone, Vinci e Fognini