Alberto Contador aveva dato un segnale e fatto le prove generali con uno scatto nel finale a Troppa. Alle falde dell’Etna lo spagnolo detta legge vincendo la tappa e indossando la maglia rosa. Uno scatto irresistibile a 7 chilometri dall’arrivo che non dà scampo ai competitors diretti, primi fra tutti gli italiani Nibali e Scarponi, frenati nella rincorsa dal vento che soffia contro. Neppure gente come Menchov e Sastre riescono a opporsi allo strapotere di Contador che, sul traguardo posto al Rifugio Speranza, precede di 3″ il venezuelano Rubano Guillen e di 50″ il gruppo formato da Garzelli, Nibali, il ceco Kreuziger, lo spagnolo Arroyo, il bielorusso Sivtsov. Quest’ultimo è il primo inseguitore di Contador in classifica generale, con un ritardo di 59″. Al terzo posto il francese Le Mevel a 1’19″. Seguono Nibali a 1’21″ e Scarponi a 1’28″. Dopo il giorno di riposo, previsto per consentire il trasferimento della carovana rosa a Termoli, il Giro riprende con una tappa pianeggiante. Ma la corsa è entrata nel vivo e tutte le occasioni saranno buone per dare la caccia a Contador.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleSerie B: Albinoleffe e Atalanta preparano il derby
Next articleVolley: Trento centra il triplete, Cuneo annichilita