La “prima” ufficiale della stagione 2011-2012 dell’Albinoleffe va in scena in un caldo pomeriggio di vigilia ferragostana. Il Castel Rigone, valente formazione del campionato dilettanti, si presenta intenzionata a fare bella figura nel confronto con una squadra da nove anni in B. Gli umbri non nascondono qualche velleità, mentre l’Albinoleffe ha il solo obbligo di confermare la differenza di categoria. Le insidie non mancano e sembrano concentrate soprattutto sulla condizione fisica. La squadra di Fortunato comincia a girare a partire da metà primo tempo e cambia passo con l’ingresso di Torri, che sostituisce nel ruolo di prima punta Cocco e modifica l’iniziale 4-2-3-1. Allo stadio di Bergamo si gioca con temperatura di 30 gradi, ma in poco tempo in campo e sugli spalti scorre un brivido freddo. I dilettanti del Castel Rigone, al loro primo match con una squadra professionistica, si ritrovano in vantaggio, e l’Albinoleffe, che ha condotto una preparazione che sembra aver soddisfatto mister Fortunato, si ritrova ad inseguire la qualificazione al turno successivo di Coppa Italia La sorpresa arriva al 9’ quando Tranchitella, spalle alla porta e francobollato da Piccinni, si destreggia e trova lo spazio per beffare difensore e il portiere Tomasig. Gli umbri, ben disposti e diligenti, si coprono e mettono in mostra buone geometrie. Sulla trequarti i seriani finiscono nella morsa delle maglie bianche del Castel Rigone. Intorno al 20’ ci prova anche il centrocampista Sala con un tiro dalla distanza che finisce un metro a lato. A metà del primo tempo finalmente un tentativo dei seriani con Cocco che tocca con la punta della scarpa anticipando il centrale difensivo ospite Ragno, ma il pallone finisce fuori. Al 28’ Fortunato richiama Hetemaj inserendo Torri. Alla mezz’ora, su punizione da sinistra di Regonesi, il pallone carambola al centro dell’area umbra dove Laner calcia di prima intenzione e il portiere Franzese si supera volando a deviare in angolo. Al 39’ arriva il pareggio dell’Albinoleffe: lancio di Pacilli per Cocco che evita il fuorigioco e, quasi davanti al portiere Franzese, mette al centro dell’area dove Guastalvino realizza la più classica delle autoreti. Subito dopo ci prova Regonesi su calcio di punizione, con pallone deviato in angolo dalla barriera. Su conseguente corner il pallone arriva a Piccinni che calcia sul primo palo; Franzese devia ancora in angolo. Al 45’ Pacilli dal fondo effettua un cross per la testa di Torri che manda alto sulla traversa sprecando la più ghiotta palla gol del primo tempo. Il vantaggio dell’Albinoleffe matura al 4’ della ripresa per merito di Laner che prima si fa respingere il tiro dal dischetto dal portiere e poi ribatte in rete. Il rigore è concesso dall’esordiente arbitro Viti per sgambetto di Bracca a Cristiano. Al 7’ la squadra di Fortunato potrebbe incrementare il bottino, ma Torri, dopo essereentrato in area e averdribblato Guastalvino e il portiere, calcia sull’esterno della rete. Al 13’ l’umbro Sorbini anticipa di testa Regonesi costringendo Tomasig a una parata d’istinto per evitare il pareggio. L’Albinoleffe mantiene l’iniziativa costantemente l’iniziativa ma non riesce ad affondare. A metà ripresa Taugourdeau subentra a Cristiano. Tranchitella provoca ancora qualche preoccupazione con un diagonale che attraversa l’area seriana. Sull’altro fronte Pacilli prova a lanciare in profondità Torri, ma Ragno intercetta. L’Albinoleffe, davanti a 300 spettatori (ma gli abbonati hanno raggiunto già quota 1.000), si qualifica per il turno successivo di Coppa Italia, quando sarà ospite del Cagliari. Altra musica, promette Fortunato, che accarezza la speranza di rivedere in campo Bergamelli e il metronomo Previtali.

VIDEO: Fortunato, Albinoleffe sufficiente

forbes

Laner: il mio ritorno a Cagliari con la maglia bluceleste

ALBINOLEFFE-CASTEL RIGONE 2-1

Albinoleffe: Tomasig 7, Luoni 6, Piccinni 5, Lebran 6, Regonesi 6, Girasole 6 (40’ st Salvi sv), Hetemaj 5.5 (28’ pt Torri 5), Laner 6, Pacilli 6.5, Cristiano 6.5 (22’ st Taugourdeau 6), Cocco 6. A disposizione: Offredi, Geroni, Cia, Salvi, Martinez. Allenatore: Fortunato

Castel Rigone: Franzese 6, Bricca 6, Bruni 6 (12’ st Giorni 6), Gai 6, Ragno 6, Guastalvino 5, Sorbini 6 (41’ st Pirchi sv), Sala 6, Tranchitella 6.5, Zuppardo 6 (30’ st Agostinelli sv), De Luca 6. A disposizione: Araldi, Tempesta, Agostini, Cerbini.

Arbitro: Viti di Campobasso 6

Reti: pt 9’ Tranchitella, 39’ Guastalvino (aut); st 4’ Laner

Ammoniti: Tranchitella, Cocco, De Luca, Bracca, Ragno. Recupero: 2°t 4’

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleMotoGP: Stoner fa il vuoto, due italiani sul podio a Brno
Next articleTennis: a Montreal va in scena la nona di Djokovic