“L’unico legame tra le varie case della Juve è il nostro capitano. Lui, Alessandro Del Piero, che ha voluto rimanere con noi ancora un anno per quello che sarà il suo ultimo anno in bianconero. A lui dedichiamo tutti un grande applauso”. Queste le parole con cui  Andrea Agnelli durante l’assemblea degli azionisti ha scosso il popolo dei tifosi Juventini e di tutti gli appassionati di calcio. La notizia quasi passata in secondo piano nel martedì che ha visto impegnate Napoli ed Inter nei rispettivi incontri di Champions League, è invece una di quelle da prima pagina. Numerosissimi i commenti e gli omaggi da parte del mondo dello Sport, tra i tanti spicca il tributo di Francesco Totti , amico, rivale nonchè capitano e simbolo della Roma giallorossa: “La felicità professionale e personale di Alessandro viene prima di ogni cosa – ha spiegato all’Ansa il capitano della Roma – Ma affrontare la Juve senza Del Piero, se dovesse accadere, non sarà mai la stessa cosa. Circa venti anni di sfide sportive sono tante, ma davvero tante: ognuno di noi le ha vissute sempre e solo con la stessa maglia”.

E’ proprio così, Alessandro Del Piero rientra nello strettissimo cerchio di coloro che si possono definire giocatori simbolo, vere e proprie bandiere. Negli ultimi anni Mancini per la Sampdoria, Maldini per il Milan, Javier Zanetti per l’Inter e proprio il Capitano giallorosso sono stati gli unici a raggiungere il legame simbiotico che unisce il numero 10 ai colori societari.

forbes

Nel corso della sua carriera sono molte le perle di classe immensa che ha saputo distillare sul campo, portando i propri colori a conquistare trofei nazionali ed internazionali .In attesa di una risposta ufficiale da parte del diretto interessato ci limitiamo a dar voce a tutti quanti amano il calcio, con l’affermazione che se questo sarà davvero il suo ultimo anno, ci mancherà e non solo in divisa da gioco.Le sue affermazioni mai banali,i suoi interventi e il suo atteggiamento modesto e sempre corretto nei confronti di avversari e addetti ai lavori,lo hanno eletto a simbolo di un calcio che ancora ci fa sognare e ci piace,lontano anni luce dagli scandali ,che purtroppo ne hanno minato le basi e la credibilità. 

 

 

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleChampions: Napoli ferma il Bayern, l’Inter risorge
Next articleVolley: la Foppa in vetrina