E’ Roger Federer il vincitore delle Atp World Tour Finals, il Masters maschile dotato di un montepremi di 2.227.500 di sterline che si è concluso sul veloce indoor della “O2 Arena” di Londra. In finale lo svizzero, numero due del seeding, ha battuto per 63 36 61, dopo un’ora e trentotto minuti di gioco, lo spagnolo Rafael Nadal, numero uno del mondo. Finale migliore non poteva esserci visto che i protagonisti erano anche i vincitori dei quattro tornei dello Slam (tre lo spagnolo, uno lo svizzero). Era dal 1986 che nell’atto conclusivo del “Masters” non si incontravano i primi due giocatori del ranking mondiale: nell’occasione si trattava di Ivan Lendl e Boris Becker con vittoria tre set a zero del cecoslovacco sul tedesco.
Grazie al pokerissimo Federer ha eguagliato il record di titoli al Masters appartenente in “comunione” a Lendl ed a Sampras. In precedenza lo svizzero aveva trionfato nel 2003, 2004, 2006 e 2007 (inoltre aveva giocato la finale del 2005 a Shanghai persa contro David Nalbandian). Il 29enne di Basilea ha “aperto” la stagione vincendo gli Australian Open e l’ha “chiusa” trionfando al Masters. A Londra ha vinto il trofeo cedendo solo un set, in finale a Nadal.
Per Federer è il 66esimo titolo in carriera, il quinto quest’anno dopo Australian Open,”Masters 1000″ Cincinnati, Stoccolma e Basilea.
Per Nadal il 2010 resta una stagione straordinaria: sette i titoli vinti tra cui tre Slam di fila (Roland Garros, Wimbledon e US Open). Non gli è riuscita però l’impresa di essere il primo tennista capace di vincere tre Slam di fila più il Masters. Quello londinese è comunque un grande risultato per il 24enne mancino di Manacor, che nelle cinque precedenti partecipazioni al Masters aveva raggiunto due volte le semifinali (2006 e 2007), due volte si era ritirato (2005 e 2008), mentre lo scorso anno era stato eliminato nei round robin senza vincere né un match né un set (ma quello era un altro Nadal).

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleNuoto: azzurri grandi protagonisti a Eindhoven
Next articleMourinho, che smacco!