E’ bastata un’ora a Kim Clijsters per confermarsi campionessa degli US Open di New York e vincere lo slam americano per la terza volta. Letteralmente annichilita russa Vera Zvonareva, uscita sconfitta per 6-2 6-1. E’ la finale più breve nella storia degli US Open, insieme a quella che nel 1986 vide trionfare Martina Navratilova. Zvonareva, alla seconda sconfitta in una finale di torneo di Grande Slam dopo quella subita a Wimbledon da Serena Williams, sale comunque al quarto posto della classifica mondiale, guidata proprio da Serena Williams con Wozniacki e Venus Williams sui gradini inferiori del podio. Ironia della sorte, Kim Clijsters è solo quinta, preceduta dalla giocatrice appena battuta agli US Open. Francesca Schiavone è ottava.

La finale del singolare maschile, che vede di fronte Rafael Nadal e Novak Djokovic, è stata rinviata alle 22 (ora italiana di lunedì 13 settembre, a causa del maltempo.

forbes

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleUS Open: Nadal per la prima volta in finale
Next articleF1. Alonso trionfa a Monza e riapre il mondiale