“Ruote nella Storia” ultimi giorni per le iscrizioni. Si chiude venerdì 8 settembre

35

Si avvicina la data di domenica 17 settembre, in cui si terrà il terzo raduno di “Ruote nella storia”, organizzato dall’ACI di Bergamo, su un percorso che vedrà il via dal piazzale dell’Accademia della Guardia di Finanza e porterà al Castello Visconteo di Pagazzano.

Per le iscrizioni questi sono gli ultimi giorni: c’è tempo fino a venerdì 8 settembre (informazioni: tel. 035.285913 – segreteria@bergamo.aci.it – www.acibergamo.it).

forbes

Sarà una giornata che unisce con un filo rosso molti momenti: dalla storia dell’evoluzione automobilistica, di cui sono immagini-testimonial le auto che parteciperanno, alla scoperta di paesi e territori della nostra provincia, verso la Bassa. Una geografia per molti inedita, che si sposerà con due sottolineature culturali e artistiche, inserite per impreziosire l’evento.

La prima tappa sarà a Crespi d’Adda, nel Villaggio creato tra fine Ottocento e inizio Novecento da due capitani d’industria lungimiranti, Cristoforo Benigno Crespi e il figlio Silvio Benigno. Questo modello di nucleo industriale, ancora abitato, è l’esempio di un progetto di paese ideale, dotato di tutto per viverci, per lavorare, per essere comunità. Ora divenuto sito protetto quale Patrimonio dell’Unesco.

L’altro appuntamento sarà al Castello di Pagazzano con la visita a una collettiva di scultura che unisce particolarità, originalità e qualità. È intitolata “Dopo Manzù. Dialogo tra sei scultori e un maestro”. A idearla sono stati due artisti bergamaschi di fama internazionale, lo scultore Ugo Riva e il pittore Sergio Battarola che hanno dato vita a una bella costellazione di nomi e proposte: con opere di Manzù si potranno ammirare gessi di Giuseppe Rivadossi; fibroresina di Viveka Assembergs, terrecotte policrome di Ugo Riva, bronzi policromi di Federico Severino, figlio del filosofo, e fusioni in resina di Dario Tironi. Dopo la visita al Castello e alla mostra, che sarà guidata da Ugo Riva, la comitiva delle auto storiche si sposterà per il pranzo e le premiazioni alla “Corte Berghemina”. (U.S. Aci)