Splende la stella di Arianna Follis in mezzo al mare di fondiste norvegesi (quattro nelle sei) che hanno dominato la 10 chilometri femminile di Gallivare a tecnica libera, prova d’apertura della stagione di Coppa del mondo. La campionessa di Frassinoro si è piazzata al terzo posto, alle spalle di Marit Bjoergen e della svedese Charlotte Kalla in una gara dove ha sempre giocato un ruolo da protagonista, con intermedi che l’hanno vista costantemente nelle prime quattro posizioni, fino alla zampata nei metri finali, grazie alla quale ha tenuto fuori dal podio Kristin Steira e Marthe Kristoffersen.Per la Follis, giunta a 51″4 dalla vincitrice, si tratta del dodicesimo podio in carriera in gare individuali, ma soprattutto è la conferma di uno stato di forma già ottimale, mentre la Bjoergen comincia nel migliore dei modi con una dimostrazione di superiorità impressionante, approfittando del ritardo delle rivali nella rincorsa alla corsa di cristallo: Justyna Kowalczyk non ha fatto meglio della settima piazza, Petra Majdic della dodicesima. Altre due italiane sono arrivate a punti: Marianna Longa ha colto un onorevole quattordicesimo posto, mentre Silvia Rupil è finita ventiquattresima. Fuori dalle trenta Magda Genuin e Antonella Confortola. Arianna Follis si conferma dunque la fondista azzurra di vertice nelle prove in pattinato con un terzo posto nell’opening di Gallivare che non poteva essere viatico migliore per cominciare la stagione. “Sono molto contenta – spiega la trentatreenne portacolori della Forestale -, è la conferma della bontà del lavoro fatto in estate. Settimana scorsa a Muonio avevo avuto buone sensazioni nelle gare Fis, oggi si sono ripetute con un campo di partecipazione più elevato. Mi sento bene fisicamente, come si dice in gergo faccio una fatica “bella”. Le norvegesi si sono confermate uno squadrone fortissimo: “E’ vero, però nelle gare in tecnica libera possiamo inserirci e dare loro fastidio. Quest’anno ho molta tranquillità e fiducia in me stessa, non ho perduto la calma nemmeno quando mi giocavo il podio con la Steira e alla fine ho avuto ragione”. Soddisfatto il responsabile femminile Alfred Stauder: “Abbiamo visto negli ultimi test che Arianna manteneva la velocità nel finale e anche questa volta ci è riuscita. Ha tirato fuori la grinta, allontanando la rimonta delle avversarie. Sono contento anche per la Longa, positiva pure la Rupil che è giovane e deve trovare subito il ritmo, ma il fatto che sia riuscita ad andare a punti ci fa ben sperare”.

Ordine d’arrivo 10 km TL femminile Gallivare (Sve):
1. Marit Bjoergen (Nor) 23’48″4
2. Charlotte Kalla (Sve) a 41″1
3. Arianna Follis (Ita) a 51″4
4. Kristin Steira Stoemer (Nor) a 58″1
5. Marthe Kristoffersen (Nor) a 58″8
6. Vibeke Skofterud (Nor) a 1’00″3
7. Justyna Kowalczyk (Pol) a 1’15″9
8. Anna Haag (Sve) a 1’16″4
9. Therese Johaug (Nor) a 1’22″3
10. Nicole Fessel (Ger) a 1’22″3

forbes

14. Marianna Longa (Ita) a 1’31″7
24. Silvia Rupil (Ita) a 1’55″7
41. Magda Genuin (Ita) a 2’21″3
57. Antonella Confortola (Ita) a 2’46″4

Fondo, Hellner detta legge a Gallivare. Clara 20esimo, migliore azzurro

In campo maschile il successo va allo svedese Markus Hellner, che domina la 15 km tecnica libera. Hellner è al secondo successo sulla pista di casa (vive proprio nella cittadina che ha ospitato la gara) dopo l’unica vittoria in carriera del 2008. Il venticinquenne ha chiuso in 32’26, ben 11.4 secondi più veloce del secondo classificato, il campione olimpico svizzero Dario Cologna; terzo l’altro svedese Daniel Rickardsson, che ha avuto la meglio sul norvegese Chris Andre Jespersen per meno di due secondi. Gli azzurri, dopo un buon avvio, sono finiti fuori dalle posizioni di vertice: 20esimo Roland Clara (a lungo nei primi dieci prima di cedere qualche posizione nel finale) a 1’01.1, 27esimo David Hofer, 39esimo Pietro Piller Cottrer, 43esimo Thomas Moriggl. Nelle retrovie anche Valerio Checchi (48esimo), Dietmar Noeckler (73esimo), ritirato Giorgio Di Centa.

Ordine d’arrivo 15 km TL maschile a Gallivare (Sve):

1 HELLNER Marcus 1985 SWE 32:26.0
2 COLOGNA Dario 1986 SUI 32:37.4
3 RICKARDSSON Daniel 1982 SWE 32:46.1
4 JESPERSEN Chris Andre 1983 NOR 32:48.0
5 SEDOV Petr 1990 RUS 32:50.7
6 LEGKOV Alexander 1983 RUS 32:56.4
7 ROETHE Sjur 1988 NOR 33:04.5
8 BAUER Lukas 1977 CZE 33:08.8
9 FREEMAN Kris 1980 USA 33:09.1
10 JOHNSRUD SUNDBY Martin 1984 NOR 33:12.3

20 CLARA Roland 1982 ITA 33:27.1

27 HOFER David 1983 ITA 33:39.8

39 PILLER COTTRER Pietro 1974 ITA 33:53.9

43 MORIGGL Thomas 1981 ITA 34:02.7

48 CHECCHI Valerio 1980 ITA 34:10.9

73 NOECKLER Dietmar 1988 ITA 34:45.7

Ritirato: DI CENTA Giorgo 1972 ITA

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleAzzurro a tinte forti e azzurro spento: le due Italia del calcio
Next articleRugby: Italia sconfitta dall’Australia nel secondo test-match autunnale