Le grandi emozioni e la partita più bella vanno in scena all’Olimpico di Roma, dove il derby della capitale si decide a 20 secondi dal 48’ del secondo tempo a favore della Lazio, che rompe il digiuno di vittorie con Reja in panchina. Un finale incredibile con Klose match-winner quando si attendeva solo il fischio dell’arbitro Tagliavento, contestato dalla Roma per alcune interpretazioni. Il successo laziale è frutto di una rimonta, perché la squadra giallorossa passa in vantaggio dopo appena 6’ del primo tempo approfittando di una disattenzione della difesa laziale per mandare in gol Osvaldo, alla quarta realizzazione consecutiva in campionato. Bisogna attendere il 6’ della ripresa per l’episodio che segna la partita. Uno scatto di Brocchi in area romanista viene fermato con una plateale trattenuta da Kjaer che, essendo ultimo uomo davanti alla porta, viene espulso. Sul dischetto va Hernanes che pareggia. L’inferiorità numerica costringe la Roma a proteggersi dalle folate offensive biancocelesti. La porta giallorossa trema due volte: prima con un colpo di testa di Klose che si stampa sulla traversa, poi con una conclusione al volo di destro di Cisse che centra il palo. La Lazio spinge, ma la Roma non rinuncia ad attaccare e potrebbe addirittura fare il colpaccio. Invece la squadra di Reja riesce a trovare il colpo vincente di Klose, che batte Stekelenburg (ottima prestazione al rientro tra i pali) con una sorta di calcio di rigore in movimento, piazzando il pallone nell’angolo alla sinistra del portiere. Finisce 2-1. Nella Roma, senza Totti, ancora una grande prova di De Rossi e la conferma della vena di Osvaldo. Nella Lazio, che sale al secondo posto in classifica, ancora decisiva la coppia Hernanes-Klose, ma da sottolineare il grande apporto fornito da Brocchi.

Due sole reti, invece, nel pomeriggio domenicale della settima giornata, entrambe segnate dal Bologna che espugna il campo di Novara. Le altre cinque gare finiscono a reti inviolate. La Fiorentina esce indenne da Cesena dove rischia e poi non sfrutta la superiorità numerica per l’espulsione dell’ex Mutu. L’Udinese resiste agli attacchi dell’Atalanta anche quando resta in dieci per la doppia ammonizione di Pinzi. Poche emozioni tra Cagliari e Siena e a Marassi tra Genoa e Lecce. Allo stadio Bentegodi la Juventus non brilla con il Chievo. Del Piero entra in campo a metà ripresa e colpisce il palo di testa, poi un tiro di Pellissier viene respinto sulla linea di porta e i bianconeri possono restare in vetta.

forbes

Risultati 7a giornata: Cesena-Fiorentina 0-0 Atalanta-Udinese 0-0 Cagliari-Siena 0-0 Chievo-Juventus 0-0 Genoa-Lecce 0-0 Novara-Bologna 0-2 Catania-Inter 2-1 Milan-Palermo 3-0 Napoli-Parma 1-2 Lazio-Roma h 20:45

Classifica: Juventus Udinese 12 Cagliari 11 Napoli Palermo 10 Catania Parma Chievo 9 Roma Lazio Milan Fiorentina Genoa 8 Siena 6 Novara Atalanta 5 Inter Bologna Lecce 4 Cesena 2

 

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleAtalanta: solo pari con l’Udinese messa alle corde
Next articleLa macchina perfetta degli atleti paralimpici