Il Siena conquista la vetta solitaria del campionato cadetto liquidando il Livorno, approfittando del mezzo passo falso interno del Novara e in attesa del posticipo che vedrà l’Atalanta impegnata sul campo di Frosinone. La squadra allenata da Antonio Conte fa suo il derby toscano segnando quattro reti nel secondo tempo, dopo aver concluso sullo 0-0 i primi 45’. Al Livorno pesa l’espulsione di Perticone, che costringe i labronici a giocare la seconda parte della gara in dieci. Apre la serie delle marcature Calaiò con un colpo di testa al 9’, raddoppia Mastronunzio dopo 5’, poi Calaiò fa doppietta e chiude i conti Vergassola. Il Novara s’imbatte nell’ostacolo Cittadella non riuscendo a superarlo. Per due volte in vantaggio, la squadra piemontese viene rimontata e alla fine i veneti meritano il pareggio. Il calcio di rigore trasformato da Motta al 10’ del primo tempo sembra preludere all’ennesimo successo dei piemontesi, che devono fare i conti con l’ottima organizzazione di gioco degli avversari. A metà del secondo tempo Di Roberto, partito dalla panchina, va in gol, ma dopo 4’ un destro di Parola riporta in vantaggio il Novara. Il pareggio definitivo di Perna arriva allo scadere, consentendo al Cittadella di guadagnare un punto importante nella lotta per la salvezza e sottraendone due al Novara nella corsa alla promozione. Alle spalle del Varese, che ha pareggiato ad Empoli nell’anticipo della 24a giornata, restano distaccate le quattro formazioni virtualmente nei playoff. Con gli stessi punti ci sono Torino e Padova, che chiudono in pareggio i rispettivi impegni, Livorno e Reggina, usciti sconfitti. Il Torino rimedia con Rolando Bianchi al gol di Cutolo sul campo del Crotone, dove diventa decisivo il portiere granata Bassi che sullo 0-0 neutralizza un calcio di rigone di Ginestra. Il Padova, orfano del bomber infortunato Succi, va in vantaggio con Cesar contro il Modena ma subisce il pareggio su rigore trasformato da Mazzarani. La Reggina cade a Piacenza con un gol di Cacia dopo un’alternanza di reti che vede in vantaggio proprio gli amaranto con Rizzo. La squadra di Madonna ribalta il punteggio con Marchi e Graffiedi, per poi subire il pareggio su rigore di Bonazzoli. All’87’ la zampata decisiva di Cacia. Due vittorie esterne, quella del Portogruaro a Sassuolo e del Grosseto a Vicenza, rimescolano le carte tra le squadre che occupano la seconda parte della classifica. Terzo pareggio casalingo per l’Albinoleffe che viene fermato dall’Ascoli, ma la squadra bergamasca guarda alla partita più difficile che attende Emiliano Mondonico, il mister che lascia momentaneamente la panchina per poter risolvere problemi di salute.

Serie B 24a giornata: Albinoleffe-Ascoli 1-1 Crotone-Torino 1-1 Novara-Cittadella 2-2 Padova-Modena 1-1 Pescara-Triestina 0-0 Piacenza-Reggina 3-2 Sassuolo-Portogruaro 0-1 Siena-Livorno 4-0 Vicenza-Grosseto 0-1 Giocata venerdì: Empoli-Varese 1-1 Posticipo: Frosinone-Atalanta (lunedì 31 gennaio h 20:45)

forbes

Classifica: Siena 47 Novara 45 Atalanta 44 Varese 40 Livorno Reggina Torino Padova 34 Pescara 32 Vicenza Grosseto 31 Empoli 30 Crotone Modena 29 Albinoleffe 28 Cittadella 26 Piacenza Portogruaro 25 Sassuolo 24 Triestina 23 Ascoli (-5) 22 Frosinone 20

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleAlbinoleffe: terzo pareggio consecutivo casalingo
Next articleAlbinoleffe: una sobria atmosfera per dare forza a Mondonico