Giornata trionfale per il tennis azzurro al Rolando Garros. Fabio Fognini e Francesca Schiavone vincono i rispettivi match degli ottavi di finale e accedono ai quarti di finale del prestigioso slam parigino. Non accadeva dal lontano 1949: allora furono Gianni Cucelli e Annalies Ulstein Bossi (quest’ultima si fermò poi in semifinale).
Prima l’impresa di Fabio Fognini che ha battuto 11-9 al quinto set lo spagnolo Montanes, dopo quasi quattro ore e mezza, giocando gli ultimi game praticamente da fermo per un problema muscolare alla gamba sinistra. Poi, neppure il tempo di rifiatare, di smaltire l’emozione per un successo storico (l’ultimo italiano nei quarti sulla terra rossa parigina era stato Renzo Furlan nel 1995), ed ecco in campo Francesca Schiavone, la campionessa in carica del Roland Garros, che batte in tre set (62 36 64), dopo oltre due ore e mezza di battaglia, un’avversaria ostica come la serba Jelena Jankovic, una ex numero uno del mondo. A completare il momento esaltante del tennis azzurro, va sottolineata la presenza nei quarti anche nei tabelloni di doppio maschile con Potito Starace e Daniele Bracciali e in quello femminile con Flavia Pennetta, che gioca in coppia con l’argentina Gisela Dulko (prime teste di serie del torneo, già vincitrici agli Australian Open ad inizio stagione).

A guastare la gioia del successo di Fognini, l’esito dell’ecografia a cui il tennista azzurro si è sottoposto dopo la conclusione del match. Fognini si è procurato una distrazione di primo grado del retto femorale terzo superiore. che lo costringerà a rinunciare al prestigioso confronto dei quarti in programma martedì 31 maggio contro Novak Djokovic.

forbes

Il serbo, testa di serie numero due al Roland Garros, battendo per 64 64 62 il francese Richard Gasquet (n.13) si è qualificato ai quarti ed ha toccato quota 41 match vinti nella stagione in corso (43 se si contano anche i due incontri vinti lo scorso dicembre nella finale di Coppa Davis), avvicinando ulteriormente il record di John McEnroe. Lo statunitense nel 1984 arrivò a 42 vittorie di fila prima di essere fermato da Ivan Lendl proprio a Parigi in finale. Il record assoluto di successi consecutivi nell’era open appartiene, invece, a Guillermo Vilas: l’argentino si fermò a quota 46. Prosegue anche il cammino di Roger Federer, favorito numero tre, che si è aggiudicato il derby svizzero con Stanislas Wawrinka (n.14) in tre set: 63 62 75.

(fonte federtennis)

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleCiclismo: Milano acclama Contador in rosa
Next articleTennis: secondo titolo internazionale per Laurynas Grigelis