Roger Federer saluta il “Monte-Carlo Rolex Masters”, terzo “Masters 1000” della stagione in corso sui campi in terra battuta del Country Club nel Principato di Monaco: lo svizzero, numero due del seeding, è stato battuto nei quarti per 64 64, in un’ora e tre quarti di gioco,dall’austriaco Jurgen Melzer, settima testa di serie. Il 29enne viennese, arrivato nei top ten lo scorso anno (grazie alla semifinale disputata al Roland Garros) ha provocato la prima, vera grande sorpresa del torneo complice un Federer infastidito dal forte vento, apparso svogliato e nervoso al punto da scagliatre una pallina contro la rete sfiorando il raccattapalle. L’austriaco ha giocato un match perfetto, soprattutto nel primo set mentre nella seconda frazione è stato bravo a contenere il ritorno dell’elvetico. Federer, finalista per tre anni di fila (2006-2008) sempre fermato da Nadal, aveva sempre vinto nei tre precedenti confronti diretti con Melzer che non era mai riuscito a conquistare neppure un set. In semifinale Melzer troverà David Ferrer, quarto favorito del tabellone, che ha regolato con un doppio 63 il serbo Viktor Troicki (n. 11). Non vacilla Rafa Nadal, che punta al settimo titolo di fila a Montecarlo. Eloquente il 61 63 con il quale ha regolato nei quarti il croato Ivan Ljubicic. Nadal ha allungato la striscia positiva di match vinti consecutivamente (35) sulla terra rossa del Principato. Il bilancio complessivo sulla terra del maiorchino è incredibile: 179 vittorie contro appena 6 sconfitte a partire dal 2005. In semifinale Nadal è opposto a Andy Murray, terzo favorito del seeding.

forbes
close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleNuoto: altri tre pass iridati agli assoluti primaverili
Next articleL’arte della scena muta