La notizia è che Rafa Nadal non è più il re di New York. Lo spagnolo, dopo aver ceduto il comando del ranking mondiale, consegna a Novak Djokovic lo scretto degli US Open. Il quarto ed ultimo Slam della stagione si è concluso con il serbo che ha battuto per 62 64 67(3) 61 Rafa Nadal dopo quattro ore e dieci minuti. Si tratta della sesta sconfitta subita in questa stagione dal maiorchino ad opera di Nole. Per Djokovic si tratta del primo titolo a Flushing Meadows dopo due finali perse (nel 2007 contro Federer e nel 2010 proprio contro Nadal) e del quarto trofeo Slam della carriera dopo Australian Open 2008 e 2011 e Wimbledon 2011.
La stagione del 24enne di Belgrado si riassume nei numeri: 64 match vinti su 66, dieci titoli conquistati tra cui Australian Open, Wimbledon e Us Open, e sorpasso al vertice del ranking mondiale ai danni di Nadal. Djokovic è anche diventato il sesto tennista a vincere tre titoli majors nella stessa stagione: prima di lui ci erano riusciti solo Rod Laver, Jimmy Connors, Mats Wilander, Roger Federer e, lo scorso anno, Rafa Nadal.

In campo femminile tutti pensavano che la finale culminasse nella favola di Serena Williams, tramutatasi da principessa in strega. Perso il titolo ad opera dell’australiana Stosur, a Serena è stata comminata una multa di 2.000 dollari a seguito della violazione del codice di comportamento provocata da “abuso verbale” nel corso della finale femminile. Questa multa è conforme con quelle previste per questo genere di offese nei tornei del Grande Slam. Lo scatto d’ira di Serena contro Eva Asderaki durante la finale si era verificato dopo che la giudice di sedia aveva assegnato punto e game alla Stosur perché la statunitense aveva urlato un “come on” con la palla ancora in gioco. La Williams rischiava pesanti conseguenze in quanto è ancora in periodo di prova dopo l’episodio del 2009, sempre agli US Open, quando aveva assalito verbalmente una giudice di linea (“Ficcati quella f… pallina in gola”) rea di averle chiamato un fallo di piede sulla seconda di servizio che aveva automaticamente regalato due match point alla Clijsters

forbes
close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleSerie B: posticipi favorevoli a Torino e Sampdoria
Next articleChampions: due lampi del Milan, il Barcellona tuona due volte