C’erano tre titoli in palio nell’ultima giornata degli Assoluti Open al Lido di Bolzano. E un po’ a sorpresa Stefano Belotti si è preso il titolo dal metro davanti ai grandi. Il 17enne di Alzano Lombardo – tesserato per le Bergamo Tuffi e seguito da Dario Scola – ha chiuso con 376.00, una finale in cui spiccano i 72.00 punti di un meraviglioso doppio salto mortale e mezzo rovesciato raggruppato; alle spalle del bergamasco si sono classificati i big Giovanni Tocci e Lorenzo Marsaglia.

Il 27enne di Cosenza – tesserato per Esercito ed AQA Cosenza, allenato da Oscar Bertone e da Lyubov Barsukova e argento continentale a Budapest 2021 – ha eseguito un superbo doppio salto mortale e mezzo avanti carpiato (67.50), ma poi ha pagato nella terza routine l’ingresso scarso del doppio salto mortale e mezzo rovesciato raggruppato (54.00), concludendo con 375.25 punti.

forbes

Il 25enne di Roma – tesserato per Marina Militare e CC Aniene, preparato da Benedetta Molaioli – non è andato oltre i 352.90 punti, in una prova in cui hanno pesato i punti di penalità per falsa partenza sul triplo e mezzo avanti raggruppato (45.00).

Nella finale dal metro femminile dominio di Chiara Pellacani. La 19enne romana – tesserata per Fiamme Gialle ed MR Sport F. lli Marconi, allenata da Tommaso Marconi, argento iridato e campionessa europea nel Sincro mixed con Matteo Santoro, cinque medaglie continentali a Budapest 2021 – senza strafare si è imposta con 266.00 punti, precedendo Matilde Borello (Blu 2006) con 235.05 ed Elisa Pizzini (Bergamo Tuffi) con 230.10.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleTamburello, l’Arcene batte la capolista e continua la scalata allo scudetto
Next articleBB14, arriva il primo acquisto: è l’ala Salvatore Genovese