Un fulmine a ciel sereno. La notizia è di quelle che inquietano parecchio: José Palomino, difensore argentino dell’Atalanta, è stato sospeso perché trovato positivo dalle analisi a sorpresa antidoping.

La notizia è stata rilasciata da Nado Italia l’agenzia che si occupa dell’antidoping, che ha diramato il seguente comunicato: “Il Tribunale Nazionale Antidoping, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare l’atleta Josè Luis Palomino (FIGC) per violazione degli artt. 2.1 e 2.2. L’atleta è risultato positivo alla sostanza Clostebol Metabolita. Il controllo è stato disposto da Nado Italia”.

forbes

Gli articoli 2.1 e 2.2 nel regolamento recitano: “2.1: Ciascun Atleta deve accertarsi personalmente di non assumere alcuna sostanza vietata poiché sarà ritenuto responsabile per il solo rinvenimento nei propri campioni biologici di qualsiasi sostanza vietata, metabolita o marker. Ai fini dell’accertamento della violazione delle NSA, infatti, non è necessario dimostrare il dolo, la colpa, la negligenza o l’uso consapevole da parte dell’Atleta.

2.2: Uso o Tentato Uso da parte di un Atleta di una sostanza o di un metodo proibiti 2.2.1 È responsabilità personale dell’Atleta assicurarsi di non assumere alcuna sostanza proibita o di non ricorrere ad alcun metodo proibito. Di conseguenza, ai fini dell’accertamento della violazione di cui all’articolo 2.2 non è necessario dimostrare il dolo, la colpa, la negligenza o l’uso consapevole da parte dell’Atleta.

2.2.2 Il successo o il fallimento dell’Uso o del Tentato Uso di una sostanza non rilevano. È sufficiente essersi impegnati ai fini dell’Uso o del Tentato Uso di una sostanza proibita o del metodo proibito”.

La società Atalanta ha confermato da parte sua che “in data odierna (martedì 26 luglio n.d.r.) è stata notificata, da parte del Tribunale Nazionale Antidoping, la sospensione cautelare dell’atleta Josè Luis Palomino. Il Club comunica che, in attesa di valutare i prossimi passaggi procedurali, la segnalazione della Procura Nazionale Antidoping riguarda la sostanza Clostebol Metabolita”.

Il Clostebol Metabolita è uno steroide anabolizzante presente nella lista nera dell’organo mondiale (Wada) nell’impego nella lotta al doping nello sport. Il Clostebol Metabolita si trova anche in pomate o spray utilizzati per far cicatrizzare più in fretta le ferite.

forbes
Previous articleAlbinoLeffe, il mercato si apre con l’arrivo dell’attaccante Davide Rosso
Next articleCanottaggio, già sei gli equipaggi in finale ai Mondiali Under 23 di Varese