Home Discipline Altre discipline Per Zanetti semaforo rosso a Trento

Per Zanetti semaforo rosso a Trento

71
0

Luca Lembi

Di nuovo rimandato l’appuntamento con la vittoria per il Volley Zanetti. A Trento le rossoblù cedono in tre set (25-20, 25-21, 25-15) senza riuscire a stare al passo delle padrone di casa. La matricola Trento, un gruppo tricolore formato da sole atlete italiane, sale a 9 punti in classifica, con una sola sconfitta nei primi quattro turni. Le bergamasche restano fanalino di coda con il solo punticino guadagnato nella sfida casalinga del primo turno con Scandicci, quando avevano offerto un’ottima prova di insieme e fatto pensare che il cammino potesse regalare belle soddisfazioni. Così non è stato, perché il sestetto allenato da Turino ha inanellato tre secche sconfitte. Una partenza a handicap e un bilancio negativo alla vigilia del primo turno infrasettimanale, martedì 13 ottobre al Pala Agnelli, ospite Il Bisonte Firenze.
A Trento il sestetto iniziale del Volley Zanetti non ha presentato sorprese: sempre Valentin ad orchestrare Loda, Luketic, Moretto, Dumancic e Enright. Trento fa subito valere il fattore campo e scappa avanti, la Zanetti non riesce a riprenderla e si ritrova sotto per un set a zero. Nella sfida tra opposti, il primo parziale si chiude con 5 punti per Luketic e 7 per Piani. Si riparte con Lanier nel sestetto titolare, ma sono ancora le padrone di casa a scattare. Prandi e Johnson danno il cambio a Valentin e Luketic, anche Mio Bertolo entra in gioco e la Zanetti prova ad agganciare. Sul 19-13 per Trento, ritornano in campo Valentin e Luketic precedute da Enright. Con un prezioso turno in battuta di Lanier si sale a -2 (20-18), ma Trento riprende il ritmo e va di nuovo a chiudere. Sotto di due set, Turino mischia le carte: in regia va Prandi in diagonale con Luketic, al centro Moretto e Mio Bertolo, in banda Loda e Lanier. Bergamo cerca di restare in gioco, di allungare la partita, ma Trento non lascia scampo e va a strappare la vittoria.

Alla fine, si contano 6 battute vincenti e 8 sbagliate di Trento, contro appena 2 a segno e ben 13 sbagliare di Bergamo. Anche a muro hanno prevalso le trentine (9 a 6), mentre di errori Bergamo ne ha accumulato 20 contro i 16 di Trento. A fine match ha parlato per tutte le rossoblù Vittoria Prandi: “In allenamento lavoriamo cercando di avere nuovi assetti e per trovare nuovi stimoli. Ci stiamo allenando bene ed è questo il nostro rammarico, perché poi arriviamo in partita e non riusciamo a vincere. Dobbiamo però mettere subito da parte la gara di oggi: è dura ma dobbiamo già pensare alla prossima partita”.