Home Discipline Altre discipline Zanetti ferma al muro di Novara

Zanetti ferma al muro di Novara

116
0

Nel secondo atto di A1 femminile, Igor Gorgonzola Novara non lascia spazio alla Zanetti Bergamo, che esce sconfitta dal confronto per 3-0 (27-25, 25-20, 25-15). Alla formazione rossoblù non riesce di bissare la tenace battaglia sostenuta nella prima giornata di campionato in terra bergamasca. In Piemonte le rossoblù regalano un primo set molto combattuto, ma alla distanza Novara prende in mano le redini del gioco e fa sua la vittoria. Una sconfitta che non interrompe la fase di crescita di un roster che coach Turino sta bene amalgamando.

La Zanetti si schiera con lo stesso sestetto che aveva debuttato al Pala Agnelli una settimana fa: la diagonale Valentin-Luketic, le centrali Dumancic e Moretto, Loda e Enright ad attaccare e ricevere con il libero Fersino. Novara risponde con Herbots, Bosetti, Chirichella, Hancock, Washington, Smarzek e il libero Sansonna.
Parte avanti la Zanetti, Novara recupera e sorpassa, poi Turino mischia le carte, manda in campo prima Lanier, poi Marcon, la Zanetti risale fino al -1 (22-21), Bosetti e Smarzek prendono di nuovo le distanze, ma ecco l’esordio di Johnson in battuta, il muro di Valentin, l’ace dell’americana e Bergamo si porta in parità con Dumancic che risponde a Washington (25-25). A riportare avanti Novara ci pensano Washington e Smarzek che chiudono 27-25.
La Zanetti riparte con Lanier per Enright, Novara mantiene un buon margine per tenersi avanti, Marcon si alterna a Loda in seconda linea, al centro Mio Bertolo subentra a Moretto, le rossoblù non riescono però a ribaltare e la Igor si porta sul 2-0 (25-20).
Le rossoblù provano a tenere vivo il match: è subito 3-1 per Bergamo in avvio di terzo set, Novara aggancia e sorpassa con l’ace di Bosetti (6-5). La Zanetti si tiene agganciata al set, Enright dà il cambio a Lanier ed è -1 (11-10 per Novara), ma le padrone di casa riprendono a spingere e staccano, complici gli ace di Bosetti: 18-13. Prandi e Johnson cambiano la diagonale e Loda interrompe la serie piemontese. Novara riprende però subito la marcia e va a chiudere 25-15.
La sintesi della gara nelle dichiarazioni del capitano, Sara Loda: “Abbiamo fatto in tutti i set delle buone cose, ma nel momento in cui dovevamo essere più ciniche abbiamo mollato il colpo. Non abbiamo sfruttato i momenti buoni e Novara non è certo rimasta a guardare. Mi piace l’approccio che abbiamo avuto in questo campionato, anche se oggi mi aspettavo qualcosa di più. Purtroppo, non sempre va come si vuole, c’è tanto da lavorare ma anche tanto da cui ripartire”.