di Marco Cangelli

Finale di stagione da incorniciare per l’ASD Omero Bergamo che ha dominato i Campionati Italiani Paralimpici di Società di atletica leggera.

forbes

Chiamata a difendere i titoli conquistati nel 2021, la formazione cittadina ha sbaragliato la concorrenza presente al Campo “Gabre Gabric” di Brescia confermandosi al vertice del settore femminile.

La squadra orobica ha totalizzato 20618 punti precedendo nella graduatoria assoluta i padroni di casa dell’Icaro Onlus ASD e Volontariato (18118 punti) e la Freemoving (8827).

Protagonista assoluta della kermesse tricolore è stata Valentina Petrillo che si è cimentata in tutte le prove di velocità in programma aggiudicandosi cinque medaglie d’oro e trascinando così la propria società al titolo assoluto.

La 49enne napoletana ha festeggiato il proprio compleanno nel migliore dei modi firmando il miglior tempo sia nei 100 (13″15) che nei 400 metri (1’08″69) posando così la ciliegina su un’annata che l’ha vista migliorare una serie di record italiani.

Discorso simile anche per i 200 metri dove l’atleta partenopea ha tagliato il traguardo in 27″49 condividendo la gioia del successo con la giovane compagna Anna Zogno, autrice del secondo miglior crono in 33″48.

Le due portacolori dell’ASD Omero Bergamo si sono messe in luce anche nelle staffette 4×100 e 4×400 metri vinte in compagnia di Margherita Paciolla e Chiara Aldegani rispettivamente con il tempo di 1’07″18 e 6’20″93.

A completare la festa dell’associazione presieduta da Dario Merelli ci ha pensato Cristina Caironi che si è imposta negli 800 metri percorsi in 4’03″94.

I risultati ottenuti all’interno dell’impianto bresciano hanno permesso all’ASD Omero Bergamo non soltanto di aggiudicarsi la classifica assoluta, ma di imporsi anche in quelle dedicate alle categorie “promozionale” e “giovanile” a cui va aggiunta l’affermazione al maschile nella graduatoria dedicata alle nuove leve dell’atletica paralimpica.

In quest’ultimo caso spicca il bronzo ottenuto da Filippo Pezzotta il quale ha concluso i 10.000 metri in 46’23″42.

 

forbes
Previous articleSolidi e veloci. Atalanta sempre prima
Next articleGerry Testa: “Il tamburello deve diventare più dinamico e veloce”