Elisa Valensin vince l’oro nei 200 metri ai Campionati Italiani Indoor Allievi e realizza il nuovo record tricolore

La portacolori dell'Atletica Bergamo 1959 ha chiuso la propria prova in 23"72 celebrando così il ricordo di Alberto Pirola.

70

Correre con il lutto nel cuore non è stato sicuramente semplice, ma i ragazzi dell’Atletica Bergamo 1959 hanno deciso di ricordare Alberto Pirola così come amava lui, vivendo fino in fondo la passione per l’atletica leggera.

La formazione cittadina è scesa in pista ad Ancona per i Campionati Italiani Allievi dove Elisa Valensin ha segnato una nuova pagina della sua giovane carriera vincendo il titolo sia nei 200 metri che nella staffetta 4×200 metri.

forbes

La 17enne milanese ha superato senza problemi le batterie nella prova individuale facendo segnare il tempo di 24”30 nettamente migliorato in finale dove ha compiuto un giro di pista perfetto fermando il cronometro in 23”72.

Una prestazione che le ha consentito di migliorare il proprio record italiano di categoria, ma al tempo stesso anche quello juniores risultando la miglior Under 18 al mondo nel 2024 e precedendo Margherita Castellani (Atletica Arcs Club Perugia, 24”28) e Viola Canovi (Calcestruzzi Corradini Excelsior Rubiera, 24”84).

L’allieva di Fausto Frigerio è tornata in pista per la staffetta dove, schierata in seconda frazione, ha conquistato il titolo insieme ad Alessandra Gelpi, Paola Caporali e Apo Nicole Binde tagliando il traguardo in 1’42”51 davanti alla Bracco Atletica (1’44”11) e Atletica Vicentina (1’44”67).

Tutto ciò ha spinto l’Atletica Bergamo 1959 al comando della graduatoria femminile dei Campionati di Società Indoor grazie ai 63,5 punti davanti alla Bracco Atletica (47).

In campo maschile è arrivata anche la vittoria di Giovanni Cesare Carnelos che si è imposto nel salto con l’asta dopo una gara che l’ha condotto al nuovo primato personale.

Il ragazzo allenato da Tatiane Carne ed Elena Scarpellini ha superato al primo tentativo l’asticella posta a 4,45 metri prima di mancare per un pelo il salto a 4,50 a causa di un piccolo tocco con l’avambraccio.

Secondo posto per Federico Sironi (Atletica Monza) che si è fermato a 4,40 metri davanti a Mattia Bettin (Corpolibero Athletics Team, 4,35) e Geremia Amadei che, insieme Claudio Rocchi, hanno realizzato un importante risultato di squadra per l’Atletica Bergamo 1959 con il quarto e il sesto posto a 4,25 e 4,15 metri.

A completare la due giorni più che positiva della formazione presieduta da Ferruccio Valenti è stata Alessandra Gelpi che ha conquistato il bronzo nel salto triplo.

La 15enne guidata da Angelo Alfano è atterrata a 12,21 metri dopo aver sfiorato la finale nei 60 metri e dovendosi così arrendere a Giulia Sironi (Atletica Monza, 12,43 metri) e Vittoria Grandi (Pontevecchio Bologna, 12,25 metri).

forbes