Sulla sommità della curva nord, in occasione di Atalanta-Cagliari, campeggiava uno striscione dalla scritta eloquente: “Natura ribelle che domina il nostro destino. Popolo ligure ti siamo vicino”. Le parole sono espressione di solidarietà, partecipazione e incoraggiamento. Ma resterebbero parole, mentre le comunità che vivono il dramma delle devastazioni alluvionali e piangono le vittime hanno bisogno anche di generosità concreta. I tifosi atalantini della curva nord, che si erano già mobilitati quando nel 2002 le valli bergamasche erano state colpite dalla furia delle acque e dalle frane, due anni dopo in occasione dello tsumani nel sud-est asiatico e due anni or sono all’indomani del terremoto che ha distrutto L’Aquila, si sono organizzati anche stavolta consentendo di raccogliere 12.500 euro da devolvere alle popolazioni alluvionate di Genova e delle Cinque Terre, attraverso le tifoserie organizzate di Genoa e Sampdoria. La metà della somma è stata raccolta in curva nord, un migliaio di euro in quella sud, oltre 1.500 euro in tribuna centrale e più del doppio in tribuna Creberg, il restante nel settore distinti nord. Alla colletta, insomma, hanno risposto in tanti. Gesto grande ed esemplare.

forbes
close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleIntesa Sanpaolo nuovo main sponsor del CONI
Next articleWorld Cup: Italvolley femminile cala il poker