Adesso conta vincere. E’ l’imperativo che risuona in casa Albinoleffe. I capitomboli e gli episodi sfavorevoli, ultimo dei quali quello che ha deciso la sfida di Modena a favore del Sassuolo, sono alle spalle. Fatto tesoro degli errori e del mancato abbraccio con la dea bendata, meglio fare leva sulle proprie forze, gambe e teste. Fortunato sembra orientato ad iniziare la serie delle prossime cinque gare che pesano (per capirci, i confronti con le squadre che possono rientrare nella lotta per la salvezza) ripensando il 4-2-3-1. Potrebbe esserci la sorpresa della doppia punta per avvolgere il Crotone in una morsa offensiva dettata da un modulo che potrebbe essere un 4-3-1-2 o 3-4-1-2. Cocco in campo se recuperabile, in alternativa Torri in attacco. Mister Fortunato appare tentato di affiancare a uno dei due il ritrovato Cisse. Ma il 4-2-3-1 potrebbe assumere una sembianza diversa. Con un a sola punta,sicuro il ruolo a sostegno di Girasole, quasi certo Foglio a sinistra con a destra Pacilli, se il tecnico volesse dare più profondità, o Cristiano per garantirsi un moto elastico più lungo sulla fascia. Previtali e Hemetaj davanti alla difesa significa rinuncia a Laner, pronto a entrare dalla panchina come pure Cisse. Il reparto arretrato dovrebbe essere quello schierato contro il Sassuolo: Daffara, D’Aiello, Bergamelli e Regonesi. La sorpresa potrebbe diventare Cristiano arretrato a laterale destro. Il Crotone dell’ex Gabionetta è avversario ostico, come gli altri che verranno (Ascoli in casa, Vicenza, Empoli e Juve Stabia fuori), ma non si possono perdere colpi né finire svantaggiati in quelli che potrebbero diventare scontri diretti. I turni casalinghi devono essere fatti pesare, fuori bisognerà tornare a fare scintille in contropiede. La fisionomia dell’Albinoleffe appare chiara e tutto dipenderà da corsa e concentrazione. La squadra seriana continua a dare il meglio giocando in velocità e palla a terra. Bisogna soprattutto ritrovare i gol, dopo due turni a secco. E serve, come al solito, il sostegno del pubblico. Anche dei babies, ai quali l’Albinoleffe dedica un pomeriggio a sorpresa all’insegna della mascotte Rino Castorino.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleEuropa League: bene Udinese, Lazio non oltre il pari
Next articleAtalanta: a Parma sfida Giovinco-Moralez