Primo vero test stagionale per l’Albinoleffe, che trova un avversario di categoria ma anche l’atmosfera del derby in una sera d’agosto sul lago di Garda alla presenza di duemila spettatori. Di fronte c’è il Brescia, che a Desenzano, sede dell’incontro, è certamente di casa. Finisce 2 a 1 per le Rondinelle, dopo un primo tempo equilibrato nel risultato (una rete per parte) e nel possesso di palla. Una prova guastata dalle espulsioni di Laner e mister Fortunato nel finale di primo tempo. L’ex cagliaritano commette un fallo di mano in barriera nell’azione che comporta l’assegnazione del calcio di punizione da cui scaturisce il primo vantaggio delle rondinelle, poi è autore di un fallo a metà campo sotto gli occhi dell’arbitro Orsato che commina la doppia ammonizione. In inferiorità numerica e senza la guida tecnica in panchina, ma con il duo Garlini-Poloni a registrare le file, l’Albinoleffe regge fino alla mezz’ora del secondo tempo, quando il bresciano Ramos realizza in contropiede la rete del 2 a 1, raccogliendo sottomisura di testa un cross di Scaglia dalla sinistra e insaccando da pochi metri. E’ il Brescia ad andare in vantaggio nel primo tempo su calcio di punizione dal limite: El Kaddouri buca la barriera e inganna Tomasig. Andrea Cristiano pareggia per la Celeste circa 10’ dopo: Cocco spizza in area di rigore, il pallone arriva sul secondo palo all’esterno dell’AlbinoLeffe che insacca da pochi passi. La sconfitta di misura è il male minore. Peccato non aver potuto vagliare la tenuta con tutti gli undici in campo, dal momento che l’Albinoleffe ha disputato quasi i due terzi di gara in inferiorità numerica. Anche mister Fortunato paga per le proteste palesi rivolte al direttore di gara e pertanto il giudizio complessivo sulla squadra non può che essere rimandato, pur ammettendo che l’Albinoleffe ha figurato degnamente contro la formazione di Scienza.

ALBINOLEFFE – BRESCIA 1-2

forbes

ALBINOLEFFE (4-2-3-1): Tomasig; Daffara (17′ st Luoni), Malomo, Bergamelli (8′ st Lebran), Regonesi (14′ st Piccinni); Girasole (33′ st Taugourdeau), Hetemaj (37′ st Geroni); Pacilli (17′ st Salvi), Laner, Cristiano (14′ st Martinez); Cocco (27′ st Torri). A disp.: Offredi, Ambra, Cia, Pesenti. ALLENATORE: Fortunato.

BRESCIA (4-3-1-2): Leali (1′ st Arcari); Zambelli, De Maio, Berardi (37′ st Kamal), Daprelà (1′ st Magli); El Kaddouri (21′ st Mandorlini), Salamon (17′ st Scaglia), Budel; Antonio (1′ st Vass); Jonathas (33′ st Varga), Feczesin (1′ st Ramos). A disp.: Paghera, Kamalu, Caroppo.  ALLENATORE: Scienza.

Arbitro: Orsato (sez. di Schio)

MARCATORI: El Kaddouri 28’ pt (B), Cristiano 37’; Ramos 32’ st (B)

ESPULSI: Laner 35’ pt (doppia ammonizione), Fortunato 42’ pt (proteste)

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleCalcio: i capitani di serie A reclamano la firma del contratto collettivo
Next articleCalcioscomesse: Atalanta a -6, mano pesante per Doni e Manfredini