Che sberla! Sembrava un Cagliari a metà, orfano di Donadoni e cantierizzato da Ficcadenti. Invece nella gara valida per il secondo turno di Coppa Italia, l’Albinoleffe regge il confronto nella prima mezz’ora, per poi commettere il passo falso che stravolge i piani di Fortunato e spalanca la strada al (troppo) largo successo dei sardi. Il mister dei seriani opta per la doppia punta, Torri e Cocco ripagano con il primo che segna il gol della bandiera nella ripresa quando fa coppia con Pacilli, non ancora a pieni giri. Partita viva fin dal calcio d’inizio, ma la svolta, sfavorevole all’Albinoleffe, arriva al 35’ del primo tempo con il fallo di Piccinni ai danni di Nenè, con espulsione del difensore e calcio di rigore per il cagliaritano che non sbaglia. Poi entra in scena Larrivey che alla fine ne segna tre con l’intermezzo della rete firmata da Daniele Conti. Si può dire che la partita ha preso una brutta piega e l’Albinoleffe non è riuscito a raddrizzarla. Ma la squadra di Fortunato sconta ancora un’espulsione e il reparto difensivo va registrato.

Cagliari AlbinoLeffe 5-1
Cagliari (4-3-1-2): Agazzi 6; Pisano 6 (24′ st Perico 6), Canini 6, Astori 6, Agostini 7 (24′ st Ariaudo 6); Biondini 6, Conti 7, Nainggolan 6; Cossu 7; Nenè 7 (29′ st Ceppelini sv), Larrivey 7.5. A disposizione: Avramov, Gozzi, Murru, Mancosu, All. Ficcadenti.
AlbinoLeffe (4-4-2): Tomasig 6; Regonesi 5,5, Piccinni 4, Lebran 6, Salvi 5; Laner 5.5 (38′ pt Luoni 5), Hetemaj 5, Previtali 5,5, Foglio 6 (28′ Cia sv); Torri 6,5, Cocco 6 (6′ st Pacilli 5.5). A disposizione: Offredi, Taugourdeau, Cristiano, Girasole. All. Fortunato.
Arbitro: Doveri di Roma (Alessandroni-Giallatini; Gavillucci).

forbes

Marcatori: 35′ pt Nenè su rigore, 39′ pt Larrivey, 4′ st Conti, 5′ st Larrivey, 18′ st Torri, 23′ st Larrivey.
Note: espulso Piccinni al 34′ pt per fallo su Nenè. Ammoniti: Foglio, Biondini.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleCalcio: Manfredini assolto, ma l’Atalanta parte da -6
Next articleAtalanta: i lupi di Gubbio corsari con Garibaldi