All’Albinoleffe serviva vincere e sperare che le dirette concorrenti nella lotta per la salvezza, in primo luogo il Sassuolo, non vincessero. I risultati sfavorevoli degli altri campi rendono ininfluente quello di Bergamo. Il successo dell’Albinoleffe, stentato e giunto nel finale di gara, non basta a evitare i playout, avversario annunciato il Piacenza di Madonna. La squadra di Mondonico non punge nel primo tempo e trova la giusta determinazione nella seconda parte della ripresa quando gioca con due punte di ruolo. Ciò che conta, alla fine, è il risultato, che arriva, contro il Siena schierato da Antonio Conte con molti uomini di panchina.

Nell’Albinoleffe torna a disposizione Previtali a centrocampo, ma Mondonico deve fare a meno degli squalificati Sala, Passoni e Hetemaj. Nelle file senesi squalificati Calaiò e Terzi, indisponibili Larrondo, Kamata, Bolzoni, Vitello e Mastronunzio, con Marrone convocato con nell’Under 21, Antonio Conte, all’ultima apparizione sulla panchina dei toscani prima di assumere il ruolo di allenatore della Juventus, lascia a riposo anche il portiere Coppola e Reginaldo. Si gioca al piccolo trotto, con ritmi da allenamento. Per metà primo tempo l’Albinoleffe mantiene il possesso di palla, manovrando senza riuscire a trovare sbocchi per le conclusioni verso la porta del Siena. Al 25’ Brienza confeziona un assist per Caputo che tocca davanti a Layeni che blocca il pallone. Il primo tiro dei seriani è opera di Bombardini che raccoglie il pallone al limite dell’area e calcia in contro balzo verso il portiere Farelli che para senza difficoltà. Al 43’ su cross pennellato da Regonesi, Cocco si trova nelle condizioni di deviare a rete ma il suo colpo di testa è completamente sbagliato. Nel secondo tempo ci si aspetta un Albinoleffe più concreto in fase offensiva, invece il Siena, giocando in surplasse, provoca un nuovo brivido al 6’ con un tiro di Caputo deviato che sfiora la traversa. Al 18’ Layeni deve allungarsi per neutralizzare un tiro insidioso del solito Caputo.

forbes

Quando Mondonico decide di mandare in campo un secondo attaccante di ruolo, Torri al posto di Lebran, da Modena arriva la notizi del terzo gol del Sassuolo che relega l’Albinoleffe ai playout con il Piacenza. Ma i blucelesti non sembrano farsi condizionare dagli umori della tribuna, dove stazionano quasi 2500 spettatori. Al 23’ Bombardini serve in area senese Grossi che, defilato sulla sinistra, calcia in diagonale senza indovinare lo specchio della porta. Lo stesso Grossi in un altri paio di circostanze mette in difficoltà la difesa avversaria. Intorno alla mezz’ora si fanno male il portiere senese e il difensore seriano Bergamelli, entrambi sostituiti. Al 35’ occasionissima per Torri, che a tu per tu con il portiere Jacobucci calcia fuori. Finalmente al 39’ Grossi scatta con i tempi giusti in area ricevendo il pallone da Cocco e piazzandolo con freddezza alle spalle del portiere del Siena. L’arbitro decide di concedere ben otto minuti di recupero, un lungo recupero durante il quale non accade altro. Il successo esterno a Piacenza ha garantito all’Albinoleffe ai playout, quello casalingo con il Siena ha confermato l’obbligo della coda salvezza. Non c’è tempo per fare disamine sui punti persi in corsa. Si gioca sabato 4 giugno a Piacenza, ritorno a Bergamo sette giorni dopo, entrambe le gare in notturna con calcio d’inizio alle 20:45.

Il commento del capitano Roberto Previtali

Albinoleffe-Siena 1-0

Albinoleffe: Layeni 6, Lebran 5.5 (20’ st Torri 5), Bergamelli 6 (33’ st Mingazzini 6), Piccinni 6.5, Luoni 6, Zenoni 6, Previtali 6, Regonesi 6, Bombardini 6, Grossi 6.5, Cocco 5.5 (42’ st Martinez sv). A disposizione: Tomasig, Cia, Foglio, Cissè. Allenatore: Mondonico

Siena: Farelli 6 (29’ st Jacobucci 5.5), Cacciatore 6, Rossi 6, Ficagna 6, Del Grosso 6 (20’ st Brandao 6), Vergassola 6, Carobbio 6, Troianiello 6 (35’ st Genevier sv), Brienza 6, Caputo 6, Sestu 6. A disposizione: Checchi, Soudant, Bolzoni, Reginaldo. Allenatore: Conte

Arbitro: Calvarese di Trento

Marcatori: st 39’ Grossi

Ammoniti: Piccinni, Ficagna; recupero: st 8’

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleCIAO PICCOLA YARA
Next articleSerie B: Atalanta solleva la coppa, Padova beffa il Torino