L’Empoli sarà ricordato come la bestia nera dell’Atalanta del campionato in corso. Dopo i tre gol che valsero la vittoria all’andata, i toscani ne mettono a segno altri due sul campo di Bergamo, interrompendo la serie di risultati positivi (18) della squadra di Colantuono. L’Atalanta regala l’intero primo tempo agli avversari, complici un atteggiamento mentale sbagliato e un assetto tattico penalizzante, cominciando a giocare come sa solo nel ripresa. L’Atalanta , irriconoscibile, compassata e prevedibile, va in crisi contro l’Empoli dinamico e pratico con il modulo ad “albero di Natale”. La squadra bergamasca smarrisce la capacità di imporre il proprio gioco finendo aggrovigliata tra le maglie toscane ed esponendosi alle veloci ripartenze. La coppia d’attacco Ruopolo-Ceravolo non riesce a risultare incisiva mentre sul fronte empolese Aglietti ritrova Mchedlidze prima che si infortuni e debba lasciare il campo, entra in entrambe le azioni che decretano il doppio vantaggio al termine del primo tempo. La cronaca registra la prima conclusione a rete al 5’ di Ferreira Pinto che elude l’intervento di Gorzegno e calcia debolmente per la facile presa di Pelagotti. All’8 Ruopolo prova la girata ma il rasoterra è fuori bersaglio, così come il tiro di Ceravolo al 12’. Al 14’ Ferreira Pinto si avventa sul pallone appena dentro l’area di rigore ma viene anticipato d’un soffio dal portiere empolese. Al 16’, al primo affondo, l’Empoli passa in vantaggio: apertura per Moro che mette al centro dove Mchedlidze anticipa l’intervento del portiere Consigli e insacca. Palese la difficoltà dei bergamaschi a costruire ed imporre il proprio gioco. Non è proprio giornata per l’eroe di Modena, Ruopolo, e per Carmona. Anche Ferreira Pinto arranca. Al 24’ cross di Peluso e deviazione con l’esterno destro di Ceravolo che costringe Pelagotti alla deviazione in angolo. Al 29’ l’Empoli raddoppia con una facilità disarmante. Su un cross lento di Moro svetta di testa Mchedlidze che fa da torre per l’intervento vincente in spaccata di Soriano. Lo stesso Mchedlidze è costretto a lasciare il campo per infortunio al 33’, sostituito da Coralli. Al 43’ penetrazione in area toscana di Padoin che arriva a tu per tu con Pelagotti, che salva la porta con la punta del piede.

Ad inizio di ripresa Colantuono corre ai ripari togliendo un difensore (Raimondi) e Carmona e inserendo Barreto e Doni. Il passaggio dal 4-4-2 al 3-5-2 garantisce maggiore vivacità, anche se la squadra tende sempre ad accentrarsi anzichè cercare i corridoi laterali.

forbes

Al 5’ pallone tra i piedi di Ruopolo a un metro dalla porta, Pelagotti anticipa il tocco a rete dell’attaccante salvando in angolo. Sul corner colpo di testa a fil di palo di Doni. All’11’ bella azione tutta in velocità avviata da Barreto e conclusa da Ceravolo con un tiro angolato neutralizzato da Pelagotti. Al 13’ il portiere empolese anticipa la conclusione di testa di Ceravolo, servito da Bonaventura. Negli ultimi 20’ Colantuono si affida a Bjelanovic. Alla mezz’ora Nardini, entrato da 5’, atterra in area Ceravolo. Un fallo da ultimo uomo che comporta l’espulsione dell’empolese e l’assegnazione del calcio di rigore che Doni trasforma riaprendo la partita. Al 33’ Ferreira Pinto calcia alto sulla traversa da buona posizione. Al 40’ l’Atalanta reclama per una spinta in area su Bjelanovic, sul prosieguo dell’azione Doni,, smarcato, calcia debolmente verso Palagotti. A 3’ dalla fine del tempo regolamentare l’Empoli resta in nove per il secondo giallo comminato a Mori. Nei minuti di recupero l’Atalanta non riesce a capitalizzare la doppia superiorità, riuscendo solo a sfiorare il pareggio con Ferreira Pinto. Nell’ultima azione, da calcio d’angolo, sale in area anche il portiere Consigli, ma il colpo di testa in avvitamento è di Barreto con pallone preda di Pelagotti.

Ascolta il commento di Colantuono dopo il ko

Le dichiarazioni di Barreto nel dopopartita

ATALANTA-EMPOLI 1-2

Atalanta (4-4-2): Consigli 5.5, Raimondi 5 (1’ st Doni 6), Capelli 5.5, Manfredini 5.5, Peluso 6, Ferreira Pinto 5, Padoin 6, Carmona 5 (‘st Barreto 6), Bonaventura 5.5, Ceravolo 5.5, Ruopolo 5 (27’st Bjelanovic 6). A disposizione: Frezzolini, Ferri, Troest, Delvecchio. Allenatore: Colantuono

Empoli (4-3-2-1): Pelagotti 7, Vinci 6, Mori 6, Stovini 6, Gorzegno 6, Moro 7, Valdifiori 6.5, Soriano 6.5, Saponara 6.5 (25’ st Nardini 4), Forestieri 6.5 (37’ st Lazzari sv), Mchedlidze 7 (33’ pt Coralli 6). A disposizione: Handanovic, Tonelli, Marzoratti, Signorelli. Allenatore: Aglietti

Arbitro: Nasca di Bari 5.5

Marcatori: pt 16’ Mchedlidze, 29’ Soriano; st 30’ Doni (rig)

Note: recuperi 1° T 2’ – 2°T 5’. Ammoniti: Manfredini, Mori, Soriano, Capelli. Espulsi Nardini al 30’ st e Soriano al 42’ st per doppia ammonizione

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleNuoto: Luca Dotto grande protagonista ai campionati primaverili
Next articleSerie B: il Siena torna capolista, Atalanta ko in casa