L’Atalanta batte il Novara e, dopo quattro partite, si ritrova ad avere annullato la penalizzazione, messo alle spalle la zona retrocessione ed essere virtualmente in testa al campionato. Nessuno poteva pensare di mettere in conto una partenza così decisa in casa nerazzurra. Oltre ai punti conquistati a piene mani e pieno merito, conforta l’atteggiamento degli uomini di Colantuono, mai remissivi e sempre concentrati, interpreti dello spirito di squadra predicato dal tecnico. Il Novara dimentica in fretta la splendida prova e lo storico successo contro l’Inter e allo stadio Atleti Azzurri d’Italia appare imbastita e sbiadita al cospetto di un’Atalanta che ha energie fisiche e mentali da vendere. Colantuono schiera una squadra più muscolare sacrificando estro e fantasia di Bonaventura e Moralez e privilegiando Gabbiadini a fianco di Denis. Tesser conferma il 4-2-3-1. La prima conclusione a rete è di Meggiorini all’11’, un rasoterra parato con sicurezza da Consigli. Nei primi 20’ la formazione nerazzurra non riesce a sfruttare appieno le fasce laterali, ma nel contempo non concede spazi al Novara. Per annotare sul taccuino un’azione offensiva di marca atalantina bisogna attendere il 22’ quando Schelotto finalizza una ripartenza servendo al centro dell’area Denis che tenta una semirovesciata facendo però impattare il pallone su un difensore. A seguire un tentativo da fuori area di Masiello che alza troppo la mira. Al 25’ contropiede del Novara con tiro di Meggiorini che prende la mira e lambisce il palo alla destra di Consigli. Un minuto dopo grande giocata di Schelotto che si libera in un colpo di due difensori e calcia in diagonale impegnando il portiere Ujkani. L’Atalanta passa al 33’ con la difesa dei piemontesi schierata. Un cross lungo di Bellini dalla linea di fondo scavalca Ujkani e si trasforma di un assist per Schelotto che sul palo opposto schiaccia in rete di testa anticipando il difensore Gemiti. Al 35’ rapido contropiede della squadra di Colantuono che sfiora il raddoppio con verticalizzazione di Denis per Brighi, la cui conclusione viene respinta da Ujkani in uscita, riprende Schelotto che coglie il palo. Nella ripresa l’Atalanta continua a far valere la propria supremazia. Dopo un colpo di testa di Manfredini su azione da corner all’8’, si sviluppa un pericoloso contropiede atalantino condotto da Schelotto che non si concretizza.. Al 14’ la ciliegina sulla torta per la squadra di Colantuono confezionata da Cigarini che triangola con Gabbiadini e dal limite dell’area piazza il pallone a mezz’altezza con Ujkani immobile. Dopo il doppio vantaggio Colantuono fa uscire Gabbiadini e Schelotto dando spazio al duo fantasia Bonaventura-Moralez. Spazio anche a Tiribocchi, all’esordio stagionale. Anche Tesser rimescola le carte mandando in campo Jeda e Granoche, per dare impulso sperato alla fase offensiva. Nel finale di partita un improvviso calo di tensione favorisce il Novara che accorcia le distanze e rende accesi i minuti di recupero. Al 44’, infatti, il colpo a sorpresa di Porcari che calcia da 20 metri sorprendendo il portiere Consigli. Al 47’ Granoche riesce addirittura a mettere nel sacco ma il gol viene annullato per fuorigioco dello stesso attaccante novarese. L’ultimo tentativo disperato è di Rigoni che manda alto sulla traversa.

VIDEO:Colantuono e il primato virtuale

forbes

VIDEO:Tesser, regolare pareggio di Granoche

ATALANTA-NOVARA 2-1

Atalanta (4-4-2): Consigli 5.5, Masiello 6.5, Capelli 7 Manfredini 6.5, Bellini 7, Schelotto 7.5 (20’ st Bonaventura 6), Cigarini 7.5, Brighi 7, Padoin 6.5, Gabbiadini 6 (17’ st Moralez 6), Denis 6.5 (35’ st Tiribocchi 6). A disposizione: Frezzolini, Caserta, Ferri, Raimondi. Allenatore: Colantuono

Novara (4-3-1-2): Ujkani 5, Dellafiore 5, Lisuzzo 5, Paci 5, Gemiti 5, Porcari 5, Radovanovic 5 (12’ st Giorgi ), Rigoni 5.5, Mazzarani 5 (23’ st Granoche ), Morimoto 5 (15’ st Jeda ), Meggiorini 5. A disposizione: Fontana, Ludi, Morganella, Pesce. Allenatore: Tesser

Arbitro: Ostinelli di Como 6

Marcatori: pt 33’ Schelotto; st 14’ Cigarini

Note: ammoniti: Radovanovic, Capelli, Brighi, Cigarini

Recuperi: st 4’

(foto Schelotto- fonte: atalanta.it)

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleF1: Vettel a un punto dal bis mondiale
Next articleSerie A: tutti insieme appassionatamente