Che sarebbero stati quarti di finale spumeggianti in Champions League era facile da immaginare. Gli accoppiamenti sorteggiati a Nyon in Svizzera si sono rivelati interessanti e offrono spunti per diverse considerazioni. I campioni d’Europa in carica dell’Inter trovano un’altra squadra tedesca, lo Schalke 04. Nei quattro precedenti tra le due squadre, tutti in Coppa Uefa, figura il ricordo negativo del doppio confronto nella finale della stagione 1996/1997, con vittoria di misura per i tedeschi nell’andata di Gelsenkirchen e pareggio firmato a Milano da Zamorano, ma coppa persa ai calci di rigore. Nella stagione successiva, nei quarti, vittoria dei nerazzurri all’andata con gol di Ronaldo al Meazza e pari raggiunto nei supplementari della gara di ritorno grazie al difensore Taribo West. Quell’anno l’Inter vinse la competizione battendo 3-0 la Lazio nella finale di Parigi.

Nei quarti di Champions spicca il derby inglese Chelsea-Manchester Utd, uno scontro che nessuno oltremanica si sarebbe augurato e che fa felice i bookmakers. Il Real Madrid di Mourinho, che prova a rivincere dopo la triplete della scorsa stagione alla guida dell’Inter, se la vedrà con il Tottenham, avversario ostico ma abbordabile. Chiude il quadro la sfida tra Barcellona e Shakhtar Donetsk. Se Messi e compagni continueranno ai ritmi attuali, sarà terribilmente difficile per gli ucraini.

forbes

In base agli accoppiamenti dei quarti, la vincente della sfida tra Inter e Schalke giocherà in casa l’andata della semifinale con la vincente di Chelsea-Manchester Utd. Dunque, l’Inter è chiamata a prenotare la sfida con il calcio inglese a cui chiedere il lasciapassare per la finale. Se i pronostici saranno rispettati, vedremo di fronte in semifinale Real Madrid e Barcellona. Ogni commento è superfluo.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleSci alpino: le coppe di gigante e superG assegnate a tavolino
Next articleSci alpino: Razzoli vince l’ultimo slalom di stagione